Quotidiano di Bari

Ancora in agitazione i dipendenti: “Emiliano sordo alle istanze del personale”

La Cisl/Fp denuncia la situazione, limitandosi però a chiedere interventi

“A distanza di due anni dalla sua elezione, l’amministrazione Emiliano, si muove lentissimamente, restando sorda rispetto alle richieste delle Organizzazioni Sindacali e dei Lavoratori che egli stesso amministra. La Regione non vuole affrontare le problematiche in materia di organizzazione e gestione del personale”. Lo afferma con tanto di comunicato stampa diramato per iscritto il Segretario generale della Cisl/Fp, Giuseppe Melissano, spiegando che “le dichiarazioni di intenti o addirittura protocolli che presupponevano la calendarizzazione di tavoli monotematici per affrontare e discutere tutte le questioni, non si sono mai concretizzati e gran parte sono rimasti sulla carta”. Dunque, finalmente anche la Cisl Fp s’è accorta dell’eterno gioco al rinvio che non porta a niente di niente del capo della giunta e del suo assessore al Personale, specie sulla questioni dei dipendenti di comparto, appunto. Nota particolarmente dolente riguarda il salario accessorio del personale della Regione Puglia perché, malgrado “…le nostre sollecitazioni, siamo ancora in attesa di veder sanare gli errori grossolani intervenuti nell’applicazione del Contratto Integrativo Decentrato, specie riguardo ad alcuni istituti contrattuali che hanno implicazioni dirette sul salario dei lavoratori. E’ inaccettabile la riduzione dei salari, come la mancata liquidazione degli incentivi di produttività del 2015 e 2016 che, insieme ai progetti finalizzati mai realizzati, hanno generato un ingente danno economico al personale”. Melissano si dilunga pure sulla valorizzazione del personale che continua a essere tema ignorato. In particolare le progressioni delle categorie A, B e C, la cui realizzazione è diventata “quasi un miraggio”. Altro tema scottante, sempre secondo la Cisl Funzione Pubblica, è il passaggio sofferto dal ‘modello Gaia’ al nuovo ‘modello Maia’. “Addirittura – sottolinea il Segretario della Cisl Fp – la Giunta del novembre scorso, assegna all’IPRES una consulenza (615 mila euro) per rilevare le cause dell’inceppamento del nuovo modello della macchina amministrativa”. Il personale della Sezione di vigilanza – si legge nella nota – firmato il contratto individuale di inserimento nella Regione nel luglio scorso, non inizia ancora la sua attività, malgrado sia stato programmato un piano di attività sin dallo scorso dicembre. Non viene ancora corrisposto il salario accessorio. La sistemazione logistica, finalmente definita, non consente al personale di operare, mancando videoterminali e materiale di cancelleria, oltre che scrivanie e addirittura auto di servizio. Inoltre l’Osservatorio non ha ancora chiuso le convenzioni riguardanti cultura, turismo e formazione, la cui governance rimane ancora indefinita. “Tutto il personale soffre ad ogni livello dell’inerzia dell’Amministrazione – osserva ancora Melissano – anche per gli aspetti di facile risoluzione, che determinerebbero una incentivazione motivazionale: ad esempio l’immediata Istituzione e regolamentazione della banca delle ore, oltre alle già menzionate valorizzazioni. Non di secondaria importanza appare l’esigenza di immettere, nella macchina amministrativa, nuove e giovani risorse, dando seguito a quanto previsto dal piano di assunzioni per l’anno 2017, attenzionando le dismissioni e ragionando sulle nuove assunzioni così da tenere conto delle legittime aspettative dei vincitori di concorso e gli idonei della graduatoria RIPAM Puglia. Oltre a ciò torniamo a reclamare a gran voce certezze per i precari della Regione Puglia rispetto alla conclusione del procedimento di stabilizzazione avviato. Ma da quanto tempo si parla di grandi piani, programmi, sblocco dei precari, concorsi e sblocco anche delle graduatorie nell’ente passato da Vendola a Emiliano? Per la Cisl/Fp Altra grave condizione è la dimenticanza in cui versa il confronto sul contratto decentrato integrativo della Dirigenza e sull’assegnazione degli incarichi, ricorrendo ancora una volta ad un massiccio utilizzo dell’interim”, ha aggiunto il sindacalista. Queste sono solo alcune delle questioni in piedi, anzi, barcollanti da quando è salito sulla poltrona più alta dell’Ente Michele Emiliano. Conclusione? Non avendo avuto alcun riscontro concreto rispetto alle tante questioni, si rende necessario proseguire lo stato di agitazione del personale, con più forza, sottolineando che la Cisl Funzione Pubblica, insieme a Cgil e Uil, chiede al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, “…un intervento politico per definire un percorso risolutivo delle gravi problematiche ancora irrisolte”. Intervento politico?, percorso risolutivo?, Stato di agitazione? Beh, ecco un altro sindacato che dimostra di non aver compreso bene la gravità della situazione su argomenti e accertamenti che, a partire dai ‘buchi’ milionari non calati dalle nuvole, bensì certificati con tanto di atti e provvedimenti, meriterebbero ben altre sedi. Per competenza…(fdm)

(19 Mag 2017) - Articolo letto 407 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy