Quotidiano di Bari

Fuga di cervelli e dintorni: ecco come è stato chiuso il Centro ‘Bonomo’

La solita storia dei politici a caccia di voti, mentre Emiliano e Decaro tagliano i ponti

Il cerchio attorno ad una delle tante realtà attorno a cui dovevano ruotare ricerca e crescita delle nostre intelligenze s’è chiuso nel silenzio più triste e totale. Niente di nuovo, dunque, a quasi due anni dalla chiusura del Centro ricerche ‘Bonomo’, con un gruppo di ex dipendenti e collaboratori impiegati dalla Fondazione “Bonomo” nell’omonimo Centro Ricerche di Castel del Monte (Andria) scesi inutilmente in campo per diverso tempo a sollecitare l’intervento del “Sindaco di Puglia”, visto che la situazione era divenuta –come dicevano loro stessi nella lettera aperta rivolta al capo della giunta Emiliano - oramai insostenibile. Tutto questo già tre anni fa o giù di lì. A cosa serve, adesso, rifare la cronistoria dell’ex Centro Ricerche Bonomo, già di proprietà della Provincia di Bari e poi passata sotto la responsabilità della Provincia Barletta – Andria – Trani, dopo la paralisi dell’attività di ricerca che condusse al licenziamento del personale dipendente e alla perdita di commesse già acquisite per un valore di qualche milione di euro? Meglio, forse, capire quello che è accaduto negli ultimi tre anni. Nel 2013 la Provincia Bat istituisce la Fondazione e nell’agosto del 2014 il Centro Ricerche riprende l’attività, attraverso il reintegro – con contratti a tempo determinato – di alcuni ex dipendenti licenziati e l’assunzione di personale tecnico e ricercatori reclutato attraverso avviso pubblico. Una ventina di persone hanno lavorato – parte fino al 31 maggio 2015, parte fino al 30 giugno 2015 - a quattro progetti finanziati nell'ambito delle risorse comunitarie 2007/2013 con particolare attenzione alla florovivaistica, alla produzione dei cereali, dei pomodori e del frumento. In dieci mesi, il Centro Ricerche della Fondazione Bonomo ha svolto un ruolo di prim’ordine nella sperimentazione in campo agroalimentare.
Innovazione e ricerca sono concetti ricorrenti nel libro dei buoni propositi degli amministratori pubblici a tutti i livelli. Se guardiamo ai numeri che si riferiscono alla cosiddetta “fuga di cervelli”, la risposta più ovvia è una sola: nessuno! I dipendenti credono nell’intervento di Michele Emiliano ed è a lui che si rivolgono, visto che il sindaco metropolitano li ha solo delusi e osteggiati: <<In piena campagna elettorale per le Amministrative e le Regionali, mentre i nostri laboratori e le nostre apparecchiature giravano a pieno regime, dal Centro Ricerche sono passati tutti i candidati a caccia di voti o di una qualche forma di consenso. Tutti premurosi, tutti preoccupati, tutti desiderosi di impegnarsi a fondo perché la saracinesca del Centro Ricerche, dal 1° luglio, restasse aperta e, quindi, i contratti fossero prolungati. Dopo tutto questo tempo, sa cosa è andato a fondo? Insieme con il Centro Ricerche della Fondazione Bonomo, la nostra dignità di persone, le nostre famiglie. Dove sono finiti quei candidati, poi rieletti e oggi nella maggioranza che sostiene il suo Governo regionale, che hanno citato la Fondazione persino nel proprio programma elettorale e oggi nemmeno rispondono a un sms? E quelli che avevano idee “strepitose” per attivare sinergie con il Parco dell’Alta Murgia e con i privati? Con la chiusura dei progetti due anni fa, è calato il silenzio e nemmeno l’Ordine del Giorno approvato dal Consiglio Regionale all’inizio della legislatura è servito – almeno fin qui – a squarciare il muro di sostanziale indifferenza eretto intorno al Centro, alla Fondazione e ai suoi ex dipendenti e collaboratori. L’ultima beffa? La revoca del comodato d’uso delle attrezzature e delle apparecchiature da parte del Sindaco Metropolitano di Bari. E dalla massima autorità politica della nostra terra, cioè dal capo della giunta della Regione Puglia è arrivata solo tanta indifferenza e silenzio su quella che era un fiore all’occhiello nel campo della ricerca nel campo dell’agricoltura in Puglia….peggio di così. 

 

Antonio De Luigi

(14 Apr 2017) - Articolo letto 327 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy