Quotidiano di Bari

Mangime “anticoncezionale” per i colombi baresi

In assenza d’interventi da parte dell’Amministrazione Comunale ci pensa il consigliere Giuseppe Carrieri

Il consigliere comunale Giuseppe Carrieri ha più volte segnalato all’Amministrazione Comunale il  grave problema igienico-sanitario, troppo spesso sottovalutato, derivante dall’eccessiva proliferazione di colombi nella città di Bari. Oltre agli svariati danni e imbrattamento di statue, fontane, strade, balconi, panchine,  i colombi urbani rappresentano una fonte di infezioni specifiche per l’uomo e per gli animali domestici, in quanto trasmettono salmonellosi, tubercolosi aviarie, stafilococcosi, micosi, nonché zecche e pidocchi.

A fronte del mancato intervento da parte del Sindaco - che in sede di sessione di bilancio si era formalmente impegnato a sperimentare con l’Amiu trattamenti che inibissero la riproduzione dei colombi -  il consigliere comunale Giuseppe Carrieri, insieme ai tecnici della società specializzata ACME di Reggio Emilia, ha iniziato la somministrazione dello speciale mangime che inibisce la riproduzione e riduce quindi le nascite di nuovi volatili. Somministrazione che continuerà ogni giorno sino a Ottobre, poiché proprio nel periodo Maggio/Ottobre vi è la riproduzione di tali volatili. Contemporaneamente hanno provveduto alla distribuzione di volantini, ai Cittadini che abitano intorno la piazza, per spiegare la sperimentazione che si sta portando avanti e per chiedere la collaborazione al progetto finalizzato alla diminuzione dei troppi colombi che ormai stazionano in Città.

Carrieri ha dichiarato che: “In assenza di interventi da parte dell’Amministrazione Comunale, ha deciso di farsi carico e  di voler provare a risolvere  un problema che molti Cittadini avvertono, semplicemente copiando quello che altri Comuni hanno fatto già”.

Ha acquistato, a sue spese, da un’azienda specializzata, un mangime che inibisce la riproduzione per colombi che ha effetti meramente antifecondativi. Un mangime innocuo per persone e animali (diversi dai colombi), che  verrà somministrato ogni giorno sino a Ottobre sotto il controllo di alcuni operatori volontari.

Conclude affermando che: “l’obiettivo che ci prefiggiamo è quello di ridurre del 25/30% il numero dei colombi urbani della zona, per diminuire sensibilmente le problematiche connesse alla proliferazione degli stessi. Spero che l’ennesimo concreto esempio che viene dato per risolvere i grandi e piccoli problemi della Città possa essere seguito dal Sindaco Decaro”.

 

Marina Basile

 

(19 Mag 2017) - Articolo letto 700 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy