Quotidiano di Bari

Policlinico, quando il numero verde è occupato, richiami prima del week-wnd…..

Centralini che non funzionano, non rispondono o danno risposte beffarde e le solite liste d’attesa, poveri malati….

A Marzo abbiamo raccontato su queste colonne le vicissitudini d’un nostro lettore che s’era rivolto alle cure del pronto soccorso di Bari, e successivamente ad un piuttosto avventuroso ricovero. Ebbene, oggi lo stesso scrive per raccontare le peripezie per poter effettuare la prenotazione di una visita specialistica. Di fatto il numero verde dedicato alle prenotazioni quando ha chiamato, una decina di giorni fa, era fuori uso, mentre il recapito telefonico del CUP del Policlinico è risultato occupato dalle ore 9 alle ore 16, il nostro paziente intorno alle ore 14 -ormai scoraggiato esausto e incavolato- ha deciso di rivolgersi al centro d'ascolto della regione Puglia dedicato alla sanità, A questo centro ha riferito che erano ben cinque ore che tentava senza successo di contattare i recapiti telefonici dedicati alle prenotazioni, sapete quale è stata la risposta? <<Sa, normale che i primi giorni della settimana siano molte le persone che contattato il cup mandando in tilt i centralini>>. Ora c’è da chiedersi: e se lo sanno, per quale motivo in quei giorni non aumentano il numero delle persone addette a rispondere? Mettetevi nei panni di chi come il nostro lettore è affetto da  più patologie che necessitano di controlli frequenti nel corso dell'anno, di fatto non gli bastano le ferie per far fronte a tutti i passaggi necessari prima di poter usufruire di un servizio da parte delle ASL.Di solito a monte c'è la richiesta da parte di uno specialista di effettuare  determinati controlli nel corso dell'anno,  a questo punto bisogna andare dal medico curante nei giorni e negli orari in cui riceve si precisa che gli ambulatori dei medici di base non sono aperti nelle 12 ore precedenti un giorno festivo, non sono aperti il sabato e la domenica,  di solito sono affollati pertanto per avere una ricetta bisogna mettere in conto almeno due ore. Una volta in possesso della richiesta si può contattare il cup (mai i primi giorni della settimana ci potrebbero volere anche sette ore per poter parlare con l'addetto). Volete sapere in quale data il nostro paziente ha avuto l'appuntamento con il diabetologo prenotato ieri? il 6 di Novembre 2013. Nel frattempo può solo affidarsi alla protezione dei SS.Medici. Se si considera che un paziente diabetico necessità di almeno quattro incontri con il diabetologo, deve fare almeno una volta all'anno un controllo oculistico, una ecografia dell'addome superiore, un incontro con il neurologo, tre incontri con il dietologo.  Se poi è anche cardiopatico deve fare almeno quattro incontri con il cardiologo, due ECG, due eco-cardio, e se aggiungiamo devi gravi problemi di circolazione necessità di non meno di due incontri con il chirurgo vascolare di conseguenza due ecodoppler. A tutto ciò vanno aggiunte almeno due giornate per il rilascio delle ricette per le richieste dei farmaci. Di fatto il nostro paziente almeno quattro mesi l'anno li passa in coda presso qualche ambulatorio delle ASL. Chiara l’antifona, no?

 

Francesco De Martino

(23 Mag 2013) - Articolo letto 5105 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy