Quotidiano di Bari

Tripudio di nudità sulle complanari di Japigia. Sindaco Decaro, guardi che spettacolo…

La protesta dei residenti e la totale indifferenza delle istituzioni. Perché il primo cittadino non pedonalizza queste strade?

 

Cartoline da Bari. Questi scatti, però, non hanno nulla a che vedere con le scintillanti visioni offerte alle prestigiose delegazioni internazionali presenti in città in occasione del G7 finanziario. Sono le consuete scene di degrado urbano e morale  con le quali convivono da decenni i baresi, realtà che il sindaco Decaro si è ovviamente guardato bene dal far vedere agli illustri ospiti, avendo preferito mostrare una parte di Bari tirata a lucido per l'occasione. Sarebbe curioso, oggi, sapere se il giudizio sulla nostra città del  ministro  dell'economia e delle finanze  Padoan, che ha celebrato una " Bari meravigliosa", sarebbe lo stesso anche se avesse avuto modo di apprezzare , de visu, oltre  alla zona rossa ripulita per l'occasione, anche lo statuario e monumentale lato B della fanciulla ritratta, ieri mattina, nella periferia cittadina. Stessa curiosità ci assale con riguardo al parere di Mario Draghi, presidente della BCE al quale, riteniamo,  il  saporito panino alla mortadella gustato nella città vecchia sarebbe piaciuto meno se avesse avuto occasione di apprezzare la "paradisiaca" visione . In realtà la sofferenza sociale della nostra città ed il degrado delle periferie  rappresentano per certi versi un  ossimoro rispetto alla apparenza idilliaca, ai limiti del fariseo, da poco offerta in mondovisione ai potenti della terra. L'immagine prima di tutto, però,  e Decaro da barese doc ,almeno  per ragioni di decenza, ha accuratamente evitato che i percorsi dei partecipanti al prestigioso summit  (dai costi faraonici, pur se  ancora non è dato conoscere quanti milioni di euro sono stati  spesi per organizzare l'evento)  si incrociassero con quelli sui quali la prostituzione si consuma quotidianamente, da anni, tra le proteste dei residenti , quelli delle  complanari di Japigia in particolare, e senza dimenticare  gli abitanti degli  altri rioni periferici angustiati dal mortificante mercimonio. Il primo cittadino barese aveva promesso, non molto tempo fa, ciclici interventi per reprimere il fenomeno, anche con l'applicazione del Daspo amministrativo  in base al  recente decreto Minniti sulla sicurezza urbana: solo  auliche parole al vento, le sue  , che - ribadiamo - se producessero Pil farebbero di Bari una  fra le città più ricche d'Italia. Forse, però, una soluzione al problema c'è, e senza scomodare le  ordinanze antiprostituzione e le fantomatiche  quanto empiriche  "reti sociali"  ,frutto dell'estro  del nostro sommo amministratore: visto che Decaro è considerato il novello profeta, il nuovo guru della pedonalizzazione urbana, perchè non chiudere  al traffico le predette complanari del piacere sulle quali si prostituiscono giorno e notte giovani ragazze, per lo più straniere?  Il nostro è solo un suggerimento, per carità, in quanto siamo certi che il Sindaco, coadiuvato dai suoi preziosi  e geniali collaboratori, abbia già pensato ad una simile soluzione. Che succederebbe, però, se poi tutte queste povere ragazze sfruttate dalle organizzazioni criminali, scacciate dalle complanari rese  non più appetibili dalla pedonalizzazione, decidessero di spostarsi in via Bari, il lungo viale alberato di Torre a Mare , frazione marinara e zona di residenza del Sindaco? Cambierebbe solo la localizzazione del problema? Certamente no, i residenti del luogo  possono dormire sonni tranquilli: in tal caso, siamo certi, il primo cittadino interverrebbe, illic et immediate , azionando la salvifica "rete sociale" .

 

Piero Ferrarese

 

 

 

(19 Mag 2017) - Articolo letto 2632 volte

Gigino

Gigino

Il 19 Mag alle 4:40 p.m.

Pur essendo un vostro affezionato lettore, questa volta però devo esprimere il mio disappunto nei vostri confronti: perché continuate ad osteggiare una simile intelligenza amministrativa? C'è solo da ringraziare il nostro santo patrono. Ma non vi rendete conto come costui si sta prodigando per il bene della città? Dalla magnifica figura (non specifichiamo di cosa) che ci ha fatto fare a livello internazionale al fatto che lui si occupi adesso anche della nostra salute mandandoci tutti a piedi..Apprezziamolo dunque, e non state sempre lì a ripetere le stesse cose! Scommettete che sarà rispetto?

Rispondi a questo commento
INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy