Quotidiano di Bari

Bari, malcontento e mancanza d’incisività

Si punta al recupero in extremis di Flores, ma con l’Avellino serve l’impresa

 

Biancorossi che oramai ad Avellino sabato si giocheranno le ultimissime chance di playoff in virtù di un Frosinone terzo che vola verso la promozione diretta e delle concorrenti che la precedono che ogni giornata rosicchiano punti preziosi. Alla squadra di Colantuono tre vittorie consecutive potrebbero non bastare se Frosinone non fermerà la sua corsa, e le altre che la precedono non perdono qualche punto prezioso. Forse troppi musi lunghi tra i giocatori, di una rosa ampia gestita non nel migliori dei modi, e le idee del tecnico che se a gennaio sembravano essere captate e trasmesse sul campo, dopo il risultato positivo della vittoria contro il Benevento, sembra che lo spogliatoio abbia smesso di rispondere agli impulsi. Gli infortuni hanno poi dilaniato la squadra di Colantuono tra Brienza, Floro Flores ed altre pedine fondamentali creando alibi veri, in quanto almeno i due menzionati erano più del 50% della squadra, insieme ad un Galano che è rimasto il solo a sbraitare e combattere in attacco, scarsamente assistito dagli altri reparti e da un Maniero, che per quanto lotta e sterile al gol. Altra gatta da pelare per il tecnico della squadra barese è la difesa continuamente in bambola e che offre da diverse giornate poche garanzie per il numero uno Micai; in primis Suagher difensore centrale arrivato a gennaio ma ha giocato con il contagocce causa anche i numerosi infortuni, gli altri Moras e Capradossi hanno giocato a sprazzi delle buone gare alternando altre in cui hanno commesso dei gravissimi errori che sono costati gol pesanti agli avversari. Stesso discorso per Tonucci, anche lui spesso infortunato, ma che quando ha giocato ha lottato e spesso è stato irruento da provocare il rigore in favore della squadra ospite o farsi cacciare. Per l’attacco infine si punta a recupero in extremis di Floro Flores, il quale tornerebbe a far coppia con Galano per battere gli irpini che lunedì se la sono giocata sino all’ultimo perdendo di misura.

M.I

 

(03 Mag 2017) - Articolo letto 199 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy