Rangers d’Italia, i volontari dell’ambiente
5 luglio 2017
Le donazioni stanno scomparendo: a Bari è di nuovo emergenza sangue
5 luglio 2017

Mezza dozzina di cassonetti bruciati in via Nicolai

Alba di fiamme per i residenti in via Nicolai ,nella zona universitaria del centralissimo quartiere murattiano. Un piromane ha pensato bene di dare fuoco ad una mezza dozzina di cassonetti in plastica che erano posizionati negli spazi ad essi appositamente riservati a ridosso dell’uscita del parcheggio sotterraneo di piazza Cesare Battisti. In poco tempo le fiamme hanno avvolto i contenitori sprigionando un denso e sgradevole odore di plastica bruciata che ha invaso l’area, penetrando anche in alcune abitazioni e rendendo gli ambienti irrespirabili. Sul posto sono prontamente intervenuti un paio di mezzi dei Vigili del Fuoco che nell’arco di pochi minuti sono riusciti a domare le fiamme. Alle 4,45,alle prime luci dell’alba, terminato l’intervento dei pompieri, per strada erano rimasti solo i residui fumanti della plastica fusa dall’incendio. Gli addetti dell’Amiu verso le 9 e 30 hanno riposizionato negli stessi spazi i cassonetti, questa volta di ferro. Un atto vandalico che avrebbe potuto avere conseguenze più gravi, se solo si pensi che proprio nel punto dove è stato appiccato l’incendio ci sono grossi alberi che, fortunatamente,non sono stati avvolti dalle fiamme. La zona in questione, piazza Cesare Battisti e le aree limitrofe, nonostante siano nel centro cittadino, soprattutto nelle ore notturne sono terra di nessuno; spacciatori in prevalenza extracomunitari , balordi e senza fissa dimora sono i padroni incontrastati, come denunciato in tante occasioni dai residenti del posto. L’installazione di telecamere ad alta definizione, quando saranno operative, potrà costituire un valido deterrente per prevenire e contrastare i frequenti episodi di delinquenza e di risse che si registrano nella piazza quasi quotidianamente. Ad ogni buon conto è possibile che l’autore dell’azione incendiaria sia stato ripreso dalle telecamere a circuito chiuso installate sui muri dell’università e presenti anche all’esterno di alcuni esercizi commerciali della zona. Purtroppo questi atti di pura inciviltà e di vandalismo si registrano periodicamente sia nei rioni periferici che nel cuore della città. Alcuni mesi fa, proprio in alcune strade principali del rione murattiano un’orda di barbari scaraventò a terra, sempre in piena notte, numerose motociclette parcheggiate nelle apposite aree di sosta, cagionando danni di non poco conto ai proprietari delle due ruote prese di mira.

 

Piero Ferrarese

 

 

382 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *