Attualità

A Cipro strage di uccelli canori, uccisi e venduti sul mercato nero per essere cucinati

(Adnkronos) – La "strage" degli uccelli canori. Oltre 400.000 esemplari sono stati intrappolati e uccisi a Cipro lo scorso autunno dalla criminalità organizzata, che li rivende ai ristoranti per essere consumati come piatto locale. Lo denuncia un rapporto di BirdLife Cyprus, redatto assieme alla britannica Royal Society for the Protection of Birds (Rspb) e alla Committee Against Birds Slaughter (Cabs), secondo cui 435mila uccelli canori sono stati uccisi a questo scopo solo nell’autunno del 2023. Sebbene negli ultimi dieci anni il numero delle catture abbia registrato una tendenza al ribasso, l’anno scorso ha segnato un aumento di 90.000 unità rispetto al 2022.  I cacciatori di frodo utilizzano esche e altoparlanti che riproducono il canto degli uccelli per attirare i piccoli esemplari, tra cui pettirossi, capinere e passeri, a nidificare nei cespugli o nei frutteti, dove li poi catturano con reti antinebbia o rami ricoperti di colla. Vengono poi venduti attraverso il mercato clandestino ai ristoranti per essere serviti in una pietanza, l'ambelopoulia, preparata con uccelli canori in salamoia o bolliti. Martin Hellicar, direttore di BirdLife Cipro, ha dichiarato: "Nonostante gli ottimi progressi compiuti negli ultimi anni, quest’autunno ci ha ricordato che la situazione può essere rapidamente invertita se non vengono mantenute le risorse per l’applicazione della legge". Cipro è una tappa per molti uccelli che ogni anno intraprendono grandi migrazioni autunnali tra l'Europa e l'Africa.  La pratica di catturare gli uccelli canori per il consumo umano è stata bandita a Cipro nel 1974, tuttavia continua ad essere praticata su scala industriale. Vent’anni fa, ogni anno venivano catturati in questo modo più di 2 milioni di uccelli, di cui più di 10 milioni uccisi negli anni ’90. Da allora, le autorità di contrasto a Cipro hanno collaborato con BirdLife Cyprus, Cabs e Rspb per ridurre il numero di uccelli uccisi.  All’inizio della stagione di 'caccia' nell’autunno scorso, i mezzi dell’unità antibracconaggio della Sovereign Base Area (Sba) sono stati notevolmente ridotti. Il rapporto accusa: "Questa stagione rappresenta un buon caso di studio di ciò che può accadere quando le risorse della polizia vengono rimosse o reindirizzate dalle azioni di deterrenza". Mark Thomas, capo delle indagini della Rspb, ha affermato che i cacciatori organizzati continuano a realizzare enormi profitti con pochi rischi. "Non possiamo permettere che i progressi che abbiamo fatto vengano annullati e che i livelli scioccanti di uccisioni di uccelli canori ritornino ai livelli abominevoli che vedevamo una volta", ha detto. Thomas ha aggiunto che le risorse della polizia sono necessarie per mantenere bassi i livelli di cattura degli uccelli. "Per due decenni, la nostra partnership internazionale ha dimostrato che possiamo lavorare insieme per contrastare questa attività criminale attraverso un’azione diretta sul campo, supportata da azioni coercitive. Tuttavia, quest’autunno dimostra che c’è ancora molto da fare", ha detto. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 6 Marzo 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio