Il pastrocchio elettorale del popolo italiano
2 Marzo 2013
‘Taranto’, una nave, un destino
2 Marzo 2013

A Vicenza non si può più sbagliare, si gioca il futuro

Sfida delicata quella di lunedì a Romeo Menti nel posticipo delle ore 19. Il Bari sarà ospite del Vicenza, una partita che potrebbe valere una stagione e il futuro dei pugliesi.I veneti con la vittoria nel turno infrasettimanale di martedì contro il Grosseto hanno scavalcato i baresi, sconfitti in casa contro il Verona. Due punti di differenza, che portano gli uomini di Torrente al terzultimo posto solitario in classifica.La squadra di Del Canto è apparsa in forma, viene da un buon momento e vuol continuare su questo trend, unico neo delle ultime giornate lo stop sabato scorso contro la corazzata Sassuolo, una partita che potrebbe non far testo.La gara del ventinovesimo turno sarà arbitrata dal sig. Mariani alla prima direzione nei confronti del Vicenza, alla seconda contro il Bari.Il giudice sportivo ha fermato per un turno Andrea Rossi e Bellomo espulsi nel match di mercoledì, rientra Dos Santos che ha scontato la squalifica. Due pesanti assenze assieme a quella dell’infortunato Romizi che potrebbero influenzare l’andamento della gara.Torrente sembra abbastanza tranquillo, vuole che i suoi esprimano il gioco emerso contro gli scaligeri. Ma i problemi sono molteplici, nella sfida che potrebbe risultare decisiva per il futuro del galletto. La difesa rimarrebbe a 4 con Ceppitteli e Dos Santos centrali, laterali Polenta e Ristovski, apparso però poco lucido contro il Verona. A centrocampo non ci sono alternative Sciaudone e De Falco partiranno titolare. Non è escluso l’inserimento sulle corsie laterali di Fedato e Galano dal primo minuto. Nel Bari ha parlato in conferenza stampa l’attaccante Antimo Iunco facendo il punto della situazione del momento, con una prospettiva sulla partita contro il Vicenza:” Anche se siamo terzultimi nello spogliatoio c’è serenità, siamo consapevoli che due vittorie le cose potrebbero cambiare. Se giochiamo come contro il Verona lunedì possiamo conquistare i tre punti. Il nervosismo emerso è qualcosa che non deve ripetersi più, anche l’arbitro ci ha messo del suo, alla lunga certi errori possono pesare. Dobbiamo essere coesi e uniti, per uscire al più presto da questa situazione”.In casa Vicenza è intervenuto ai microfoni il centrocampista Ciaramitaro uno dei nuovi innesti del mercato invernale, facendo un resoconto sull’ultima gara contro il Grosseto, vinta dai veneti nei minuti finali:” Da quando sono arrivato a Vicenza, quella contro i toscani è stata la peggior partita giocata. Il tutto però è stato premiato dalla nostra determinazione, non abbiamo mai mollato e dovevamo tornare a casa con un dei punti utili. In qualche modo questa vittoria compensa la partita scorsa contro il Sassuolo, dove non meritavamo di perdere. Nelle ultime 4 partite abbiamo conquistato 9 punti preziosi a livello mentale e per la nostra classifica, Contro il Bari sarà una gara importante, c’è la necessità di continuare a lottare e i tifosi devono sostenerci”.Sono terminati i lavori al Romeo Menti per il completamento dell’impianto di illuminazione d’emergenza. Lo stadio sarà regolarmente agibile e ospiterà il posticipo della ventinovesima giornata.Intanto se la sfida di lunedì sarà decisiva per le sorti del campionato barese, brutte notizie arrivano dall’Agenzia dell’ Entrate. Il Bari dovrà necessariamente mantenere la Serie B, la quale attualmente garantisce un introito vicino ai 5 milioni; la retrocessione non permetterebbe al club di sostenere la situazione debitoria in cui versa. Il debito più pesante attorno al galletto è quello con l’Erario ovvero una cifra attorno ai 25 milioni, spalmata nell’arco di 5 stagioni secondo un accordo stipulato la scorsa estate. I massimi dirigenti baresi e la proprietà si stano muovendo in tal senso per poter “allungare” l’accordo a 15 anni; il tutto renderebbe la gestione più serena e potrebbe permettere l’avvicinamento di nuovi soci. Ma se per lo spettro Lega Pro dovesse concretizzarsi il possibile fallimento sarebbe dietro l’angolo, in quanto come categoria la vecchia Serie C non garantisce alcun tipo di ricavo. La società biancorossa ha costituito un gruppo di lavori per condurre un dialogo e chiudere un accordo con l’Agenzia delle Entrate. L’obiettivo è giungere ad una soluzione entro la metà di questo mese in modo di permettere al Bari di pianificare le scadenze in programma per aprile e giugno, dove occorrerà presentare la pratiche per l’iscrizione al prossimo campionato.Lunedì il Bari si gioca una fetta di quel che sarà, in un dentro o fuori che potrebbe significare molto, i giocatori e il tecnico sono chiamati a reagire per chiudere in fretta il brutto momento e guardare ai mesi prossimi con più fiducia e serenità.

Davide Annicchiarico

 671 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *