Chi accompagnò Bona Sforza in Polonia?
18 Maggio 2022
I baresi? Pazzi per le crociere
18 Maggio 2022

“Abbiamo volutamente scelto la strada della semplicità”

“Abbiamo volutamente scelto la strada della sobrietà e della semplicità”: Nicola Valenzano, stimato direttore artistico del corteo storico di San Nicola (la Caravella) parla al Quotidiano e stila un bilancio.

Valenzano, è stato un corteo molto fedele alla tradizione…

“Volutamente abbiamo scelto la sobrietà e soprattutto la semplicità. E le assicuro che essere semplici non è facile, tutt’altro. Io mi sono ispirato a quello che con una lettera giustamente l’arcivescovo aveva suggerito in un tempo come questo. Non ho fatto altro che rievocare quanto accadde nel 1087”.

Che cosa le ha suggerito Monsignor Satriano?

“Di essere sobrio e soprattutto di far venire fuori l’aspetto rievocativo unitamente all’invocazione per la pace”.

Tutto questo inevitabilmente ha comportato un lavoro di ricerca piuttosto voluminoso…

“In effetti è così. Tuttavia ho avuto come guida lo storico nicolaiano padre Gerardo Cioffari che mi ha dato suggerimenti e risolto dubbi. Ogni volta che avevo qualche problema interpretativo, mi sono rivolto a lui che è il massimo esperto di San Nicola. Padre Cioffari mi ha dato preziosi suggerimenti specialmente sui miracoli nicolaiani”.

Sono tornati i cavalli…

“Ogni regista sceglie il criterio che vuole. Ma se si tratta di rievocare e di questo parlava il bando, come è possibile farlo senza mettere cavalli, tamburi e sbandieratori? Per essere più aderente al contesto storico ho studiato la tappezzeria di quel tempo, voluto la nave, studiato i costumi e persino le pettinature dei figuranti”.

In gastronomia si parla di rivisitazione. Che cosa pensa delle caravelle rivisitate del passato?

“Come le dicevo, nel bando si parlava di rievocazione e ogni rievocazione per essere valida deve essere per quanto maggiormente possibile fedele all’originale. Altrimenti diventa un pasticcio, fermo restando il rispetto dei gusti degli altri. Come le dicevo in sede rievocativa devi mettere per forza la barca, i cavalli, i Dottula”.

In generale molti consensi…

“Sono naturalmente contento dei giudizi positivi, ma anche di qualche critica. Se sono in buona fede e costruttive, le critiche vanno accettate con serenità”.

In ogni caso Nicola Valenzano ha firmato davvero un eccellente lavoro con una Caravella finalmente fedele alle origini e alla tradizione.

Bruno Volpe

 

 286 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *