Le civiche di Emiliano “battono cassa” per qualche candidatura
29 Luglio 2022
“Vogliamo costruire un grande Bari, ma non vendo fumo”
30 Luglio 2022

Al dittatore piaceva il Maggiolino

Tre giorni fa ci occupavamo di uno storico modello della Citroën, la 2CV, andato fuori produzione nel 1990 dopo quarantadue anni di gloriosa carriera per un totale di 5.118.889 vetture vendute. Consideriamo ora un altro modello che ha fatto la storia dell’automobile, la Volkkswagen Typ 1. Meglio conosciuta in Italia come Maggiolino o Maggiolone a seconda dei modelli, la Typ 1 è l’automobile tedesca più conosciuta al mondo. Simbolo della rinascita industriale tedesca nel secondo dopoguerra, nonché primo modello Volkswagen in assoluto, la Typ 1 venne prodotta dalla Volkswagen dal 1938 al 2003 (l’ultimo modello – un Maggiolino – uscì da una catena di montaggio messicana il 30 luglio 2003). Detiene attualmente il record di auto più longeva del mondo, essendo stata prodotta ininterrottamente per sessantacinque anni. Inoltre, ha detenuto a lungo il primato di auto più venduta al mondo, con 21.529.464 esemplari, e attualmente è la quarta auto al mondo per numero di esemplari prodotti. A promuovere questo modello fu Hitler, cui stava a cuore conquistare il favore popolare incentivando la motorizzazione di massa a condizioni economiche accessibili anche alla tasca del cittadino medio. Le indicazioni del dittatore sapevano già di guerra : Il Maggiolino doveva avere un prezzo inferiore ai 1000 Reichsmark, superare i 100 kmh, consumare non più di sette litri di carburante ogni 100 km e trasportare 5 persone oppure (per non dire sopratutto) tre soldati e una mitragliatrice. Utilizzati su tutti i fronti, dalla Russia al deserto africano, i modelli bellici del Maggiolino fecero epoca. Celebre è rimasto il modello anfibio, la Schwimmwagen capace di guadare ad una velocità di 10 km/h, dotata com’era di un’elica ribaltabile e collegata all’albero motore. Le ruote anteriori fungevano da timone, e il passo accorciato rispetto al modello da cui derivava permetteva alla Schwimmwagen una buona manovrabilità in acqua. Questa caratteristica era conseguenza potenziata di una dote strutturale del Maggiolino, quella di potersi mantenere a galla in acqua, seppur per breve tempo, grazie al suo pianale piatto e al peso contenuto. Nel 1964, un meccanico bolognese, Alfonso Turtura, capofficina di Autogerma (oggi a Verona, all’epoca a Bologna) e il tedesco Bent Axel Schlesinger, responsabile dell’assistenza Volkswagen in Italia, attraversarono (di nascosto dalle autorità militari) lo Stretto di Messina a bordo di un Maggiolino con pochissime modifiche rispetto all’originale. L’impresa fu compiuta in trentotto minuti, e ripetuta altre due volte, a decenni di distanza, con gli stessi protagonisti e la stessa automobile ; quel Maggiolino “nautico” attualmente è custodito dal distributore italiano Autogerma  a Verona. Il Maggiolino ha lasciato il segno anche nella cultura di massa : compare in svariate apparizioni cinematografiche, la più famosa delle quali è l’auto Herbie, divertente protagonista di molti film della Disney ; Dylan Dog, il noto personaggio dei fumetti, guida un Maggiolino cabriolet bianco ; il Maggiolino compare in numerosi videogame ; ha fatto pure da soggetto a molte opere e installazioni di Andy Warhol….

 

 

Italo Interesse

 269 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *