Villa Camomilla: giardinetto degli orrori, anche a Ferragosto
2 Settembre 2017
Non c’è alcuna correlazione tra Xylella dell’ulivo e qualità dell’olio prodotto
2 Settembre 2017

Al tavolo dell’assessore gli incarichi dirigenziali appena rinnovati

Coloro illusi che la Regione Puglia non s’occupasse del personale, possono tranquillamente andare a leggersi la determinazione’ dirigenziale con cui sono state certificate le proroghe degli incarichi di Alta Professionalità e Posizione Organizzativa in seno all’Ente. Incarichi dirigenziali che, bisogna dirlo subito, danno diritto a trattamenti di riguardo in busta paga. Ma il problema non è tanto questo, ovvero che si tratti della terza o quarta proroga, quanto che la determinazione del direttore d’Area Organizzazione e Personale n. 20 del 30 maggio 2017 è la ‘prova provata’ di come l’Ente abbia ‘largheggiato’ rinviando le scadenze riguardanti A.P. e P.O. (molte sulla carta) di oltre sei mesi, da fine maggio a fine dicembre prossimo, senza motivi plausibili, fin troppo laconicamente, come abbiamo già scritto su queste colonne. Certo, sono in molti i funzionari ad aver tirato un sospiro di sollievo, confidando nell’accesso alla pensione al massimo nei primi mesi dell’anno prossimo, con adeguata integrazione pensionistica facendo riferimento, come per legge, agli ultimi emolumenti. C’è un funzionario che da una vita lavora ai gruppi politici di via Capruzzi che gli hanno rinnovato appunto, l’alta professionalità fino a dicembre e che, salvo sorprese, andrà in pensione a metà gennaio prossimo con un assegno di quiescenza assai cospicuo. Salvo che l’amministrazione regionale non s’inventi una riorganizzazione dell’ente proprio in queste settimane, con un bel taglio ai posti riservati alla dirigenza, ritirando immediatamente i ‘benefit’ ai funzionari. Tornando alla lettura attenta dell’atto dirigenziale di cui sopra, peraltro firmato dal direttore d’Area, su relazione del funzionario competente, in assenza di qualunque sottoscrizione da parte del dirigente regionale della Sezione Personale, emergono alcune altre curiosità. Da notare, ad esempio, che a un paio di anni dalla nascita dell’ambidestro, quanto ambizioso Piano M.A.I.A., la Regione Puglia, ai fini della “predisposizione del piano di riorganizzazione finalizzato alla razionalizzazione e snellimento delle strutture burocratico-amministrative da collocare nel più ampio perimetro del piano di recupero”, deve adottare “misure finalizzate al contenimento della spesa del personale”. Tradotto significa che, con l’acqua alla gola la Regione stessa aspetta che – prima possibile – il Ministero autorizzi il recupero dei 18 milioni di euro per il personale negli anni passati, spalmandoli non su cinque, bensì su dieci anni di fondi da erogare. Tutto ciò per rendere meno dolorosa la perdita economica ai dipendenti del comparto, a condizione che si riducano i posti da dirigente del 20 per cento (circa una quarantina di incarichi e retribuzioni di meno) e del 10 per cento l’entità totale del personale in servizio. E con contrazione di almeno un altro 20 per cento di posizioni organizzative e alte professionalità, appunto, come preannunciato sostanzialmente nell’atto dirigenziale n. 20/17. Certo, si parla del <<libro dei sogni>>, senza scordare incubi antichi che si chiamano stabilizzazioni dei pecari a vario titolo, inserimenti degli ex dipendenti provinciali e –dulcis in fundo – concorsi di vario genere appesi: da quelli per funzionario (RIPAM) a quelli per dirigenti idonei (risalente al 2009) che confidano tutti nell’ultima ‘chance’ governativa con la proroga all’anno venturo. Ciliegina sulla torta?: la tanto temuta, quanto attesa riorganizzazione e revisione della pianta organica dell’ente regionale, meglio noto come “Progetto integrato per l’attuazione ed il miglioramento continuo del modello organizzativo ambidestro MAIA – Maia Delivered”, di cui si potrebbe cominciare a parlare al tavolo con l’assessore al Personale Nunziante già da dopodomani, alla Regione Puglia (fdm)

 1,177 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *