Cronaca

Altro che autovelox e palmari… gli automobilisti baresi non temono le multe

Il sindaco Decaro oltre a redarguire (giustamente) gli “schifosi” del giorno o dell’anno, ovvero coloro che abbandonano rifiuti ed ingombranti per strada e non raccolgono le deiezioni  del proprio quadrupede, dovrebbe anche intraprendere una nuova laica e giusta crociata contro tutti quegli automobilisti, purtroppo non pochi,  che continuano a guidare con il telefono cellulare tra le mani generando una perdurante situazione di pericolo sia per la propria che l’altrui incolumità. Ieri mattina girando in città a bordo dello scooter, fotografo al seguito, per i soliti servizi di cronaca, non si poteva non notare il perdurante malvezzo di un numero non certo esiguo di automobilisti che imperterriti, sfidando multe e sanzione pesanti, erano alla guida parlando comodamente al telefonino. Addirittura in pieno centro, intorno alle 10,30, in via Principe Amedeo, una signora sulla quarantina, alla guida di una utilitaria color grigio, ha fermato l’auto per inviare un messaggio paralizzando sia pur per una manciata di secondi il flusso veicolare. In  oltre mezz’ora di giro si è visto purtroppo di tutto: giovani meno giovani, e persino qualche anziano, alle prese con i propri cellulari tutti impegnati in conversazioni o ad inviare sms. Questo è avvenuto sia in centro città che nei quartieri semi periferici. Da una nostra personale quanto empirica  e forse poco indicativa ed attendibile statistica si è appurato , ad esempio, che su un centinaio di automobilisti incrociati più della metà stringevano fra le mani questo “oggetto di distrazione”. Per la verità si è anche avuto modo di  notare alcune pattuglie di vigili urbani ,sia in moto che sulle auto di servizio ,impegnati  per i consueti controlli cittadini. L’esortazione e l’ invito all’esperto comandante della polizia municipale Nicola Marzulli sarebbe, a questo punto, quello di intensificare ulteriormente i controlli, punendo severamente questo andazzo, e se possibile raddoppiando persino le sanzioni. Se è giusto e doveroso multare, forse alle volte al limite della vessazione, gli automobilisti che parcheggiano in modo non consono al codice della strada, sarebbe oltremodo opportuno elevare verbali a queste persone imprudenti,o meglio,i incivili, che non si curano con il proprio atteggiamento irresponsabile di creare possibili danni fisici al  prossimo. Adesso che ci sono, anche i quattrocento dispositivi mobili multifunzione, da poco consegnati ai poliziotti municipali, sarebbe il caso che il bravo comandante “scatenasse” i suoi vigili per porre fine, o almeno ridimensionare questo odioso quanto pericoloso malvezzo. A ringraziare sarebbero i tanti pedoni, i motociclisti, i ciclisti e tutti quegli automobilisti che guidano non commettendo infrazione alcuna.

 

Piero Ferrarese


Pubblicato il 30 Gennaio 2018

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio