Andreoni: “Scalpito dalla voglia di tornare in campo”
21 Novembre 2020
Aggirato il piano paesaggistico a Ripagnola: da rivedere la legge n.30/2020
21 Novembre 2020

“Anche la malavita organizzata ha sofferto gli effetti della pandemia”

” Anche la malavita organizzata ha sofferto gli effetti della pandemia ed ora cerca di rialzarsi”: lo dice in questa intervista che ci ha rilasciato il dottor Pietro Battipede, già Vice Questore aggiunto della Polizia di Stato investigatore dal fiuto eccellente.

Dottor Battipede, da qualche notte in centro a Bari specialmente, si avvertono scariche di fuochi di artificio. Come leggerle?

“Ci sono varie maniere. Una cosa mi pare sicura, quella che la malavita locale, come altre, è in fermento, cerca di riposizionarsi dopo due mesi di fermo che ha danneggiato anche lei e ora vuole rialzarsi. Infatti col blocco totale o quasi, ad esempio, è stato impossibile o quasi vendere e smerciare droga e pure la prostituzione ha segnato il passo limitandosi alle prestazioni on line”.

Qualcuno interpreta gli spari come festeggiamento per partite di droga arrivate, una sfida alla polizia…

“Potrebbe, ma non ne sono del tutto convinto. La mala è intelligente e non ha interesse ad elevare lo scontro in questo modo, salvo il caso di uccisioni o conflitti in atto. La leggo come una goliardata o festa per la scarcerazione di qualche detenuto di rango”.

Dopo Covid. Possibile pensare ad un aumento dei reati contro il patrimonio?

“Lo ritengo molto probabile. Specialmente estorsioni ed usura. Chi è in difficoltà economica e non trova finanziamenti nelle sede istituzionali, si rivolge alla malavita che, al contrario, ha liquidità . Costoro se uno non restituisce diventano minacciosi e una via di fuga è la cessione dell’ attività . In questa maniera la delinquenza entra nel settore imprenditoriale e commerciale cittadino”

Altri reati?

“Quelli soliti, la rapina agli anziani quando vanno alla posta e soprattutto fare attenzione ai furti in casa, specie dopo che si è riscosso la pensione”.

Droga?

“Una volta tanto bisogna ringraziare la pandemia perché si è registrato un fermo nello spaccio, come nella prostituzione che si è ridotta on line”.

Chi spaccia a Bari?

“Si spaccia dappertutto, ma devo dire che tra coloro che spacciano in maniera piuttosto continuativa ci sono gli extracomunitari che hanno canali forti, anche economicamente, dalla Nigeria. Al pari della rete di prostitute”.

Bruno Volpe

 

 376 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *