Una borsa di studio in memoria di Patty Carnimeo
1 marzo 2018
Erba e Paganini, due pianeti lontani
2 marzo 2018

Anderson: “Vivo alla giornata e il nostro unico pensiero è battere l’Avellino”

L’olandese Djavan Anderson uno dei protagonisti del Bari di Grosso ha parlato ieri in conferenza stampa della sua integrazione e dei suoi progetti presenti: “Sono Venuto a Bari per due settimane di prova assieme alla mia ragazza ed il mio procuratore. Una settimana dopo ho avuto la bella notizia che il Bari mi voleva prendere in squadra e non ci ho pensato due volte. Non è stato difficile ambientarsi in una città bella come Bari, anche se la preferisco senza neve (se la ride, ndr)”. A riguardo dei suoi compagni ha avuto parole al miele: “Siamo un gruppo molto unito e coeso, c’è scherzosità nel gruppo e lavoriamo intensamente durante tutta la settimana per poi dare il massimo il giorno della partita”. A Gennaio era stato anche escluso per scelta tecnica, perché le sirene di mercato lo davano vicinissimo alla Samp o in Portogallo, ma lui ha spento le voci di mercato e rimandato certi discorsi a Giugno: “A me non mi interessano certi voci. Gennaio è volato via per fortuna, e ora siamo tutti concentrati esclusivamente sul campionato come è giusto che sia. Credo in Dio e il mio progetto è vivere alla giornata, pensare a fare bene e a mettermi a disposizione del tecnico”. Sul suo ruolo dato che ha iniziato come terzino ed adesso gioca da mezz’ala offensiva nel tridente: “Io mi trovo bene come terzino, ma mi piace attaccare e giocare più avanzato. Sono a disposizione del mister, e lui sa dove è meglio schierarmi”. Il suo Bari è reduce da tre vittorie di fila, e salvo la partita rinviata infrasettimanale per maltempo, vuole proseguire la striscia positiva anche contro gli irpini: “Contro il Frosinone giocavamo contro la capolista. A Cremona e Terni sono state altre due sfide difficilissime. Guai a sottovalutare un’avversaria o a sbagliare approccio perché ne esci male”. Sui i suoi tifosi in Olanda e sulla tifoseria barese ha fatto un distinguo doveroso: “In Olanda e alcuni miei connazionali ad oggi sono bravissimo e mi riempiono di complimenti, ma poi magari ad un mio momento no si scorderanno, sinceramente mi importa poco penso alla causa del Bari. Qui è tutto vissuto con grande calore e tutto molto sentito. I tifosi ci sono stati vicini anche nei nostri momenti di difficoltà e costituiscono una spinta in più, un vero nvalore aggiunto”. Su che partita bisognerà aspettarsi dal Bari è stato chiaro e lapidario: “Una grande partita dovete aspettarvi. Vogliamo continuare su questa onda ed entusiasmo, e vivere alla giornata. Per fare i calcoli c’è tempo, il nostro unico pensiero dovrà essere superare il prossimo ostacolo”. Sul futuro il giocatore che è ancora nel mirino di club della massima divisione, ha rimandato a Giugno qualsiasi tipo di discorso, il suo presente ha tenuto a ribadire a più riprese nella sua conferenza che è grato alla società ed al diesse e farà di tutto per imporsi in modo determinante di qui alla fine della stagione.

Marco Iusco

276 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *