Paponi: “Con l’atteggiamento giusto si fa meno fatica”
23 Novembre 2021
Il Giusto e il tragicomico
24 Novembre 2021

Antonio Mazzotta: “Con l’Andria ci siamo divertiti, ma ora dobbiamo continuare a vincere”

Sabato si scenderà nuovamente in campo e questa volta sarà al San Nicola ci sarà il Latina a provare a mettere il bastone tra le ruote per il cammino dei biancorossi. I Galletti però dal canto loro sono reduci da due vittorie di fila con cinque gol all’attivo e zero subite, blindando così la difesa per la sesta volta in quindici partite affrontate. Una difesa che nelle recenti giornate barcollava soprattutto dopo la batosta subita contro la Virtus Francavilla, un incidente di percorso intervallato dall’ottima vittoria contro Catanzaro e poi ricaduti, sebbene in un contesto diverso e sfortunato in quel di Castellammare di Stabia contro la Juve Stabia che ha vinto di rigore al 45esimo del primo tempo, trasformato dall’implacabile Eusepi. Di lì il Bari ha faticato contro la Vibonese, fanalino di coda ma vincendo, cosa che non bisogna mai dare per scontato, e poi ha dilagato e schiacciato una Fidelis Andria che si è impegnata ed era partita anche bene, ma che si è persa sotto i colpi di una squadra che ha giocato a pallone, verticalizzando, con sovrapposizioni e che arriva nell’area piccola senza difficoltà. Oltre alle qualità già menzionate, si è assistito ad un Bari esplosivo con D’Errico, con il difensore Mazzotta che a tratti sembrava il parente italiana dell’ex nazionale brasiliano Cafu, e poi quella forza e qualità di Mirco Antenucci, in doppietta grazie ad un rigore dove è stato un cecchino ed al gol, dove prima che ribattesse a rete, aveva trovato un pertugio e fatto partire la botta. Un Antenucci, leader non solo perché porta la fascia al braccio, ma per la sua voglia di arrivare prima sul pallone e servire con precisione i suoi compagni con altruismo e precisione chirurgica, insomma un Antenucci in più. Lo stesso che parlerà quest’oggi è entrato nella top ten dei migliori marcatori biancorossi, raggiungendo Barreto e Munjesan a quota 41 gol. Ma prima di arrivare all’attacco va segnalata un’altra grande prova di forza della difesa con il suo portiere Gigi Frattali rimasto imbattuto, la coppia dei centrali Terranova-Celiento perfetta, e anche i terzini Pucini e Mazzotta hanno fermato gli attacchi della squadra andriese con l’ex Crotone, Antonio Mazzotta che ieri è intervenuto al Tb Sport ed ha detto la sua: “Abbiamo dato un segnale e penso che lo abbiamo fatto. Penso abbiamo superato quel momento meno brillante ma noi cerchiamo di dare sempre il 100% e ci siamo divertiti giocando senza pensieri. Un grande passo in avanti”. Un Bari che deve però continuare ad andare a mille Km/h perché dicembre incombe alle porte e potrebbe essere il mese della possibile svolta ulteriore visti i tanti scontri diretti, ma prima bisognerà pensare al Latina che arriva sabato. Il difensore però ritornato titolare contro la Fidelis Andria ha risposto ed indicato la via: “Noi guardiamo gara per gara. Penseremo prima al Latina ma soprattutto a cercare di vincerla per portare a casa i tre punti”. Il giocatore essendo palermitano doc, interrogato su cosa ne pensa sul trovarseli avversari per la lotta alla promozione ha concluso il suo intervento: “Me li aspettavo in realtà che avrebbero lottato con noi. già lo scorso anno sono andati in crescendo nel finale di stagione. Noi siamo una squadra nuova, ma siamo partiti col piede giusto e vogliamo continuare così sino alla fine. Sono a Bari per vincere il campionato, sono un professionista”. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 

 262 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *