“Il Mezzogiorno normanno-svevo fra storia e storiografia”
25 Settembre 2012
Severino disse no al Liverpool
25 Settembre 2012

Archiviata la gara di Crotone, è già tempo della Pro Vercelli

Il Bari è tornato da Crotone con un punto guadagnato, uno zero a zero che va bene a tutti.La partita è stata molto bella ed equilibrata, le due squadre si sono affrontate in modo paritario, senza riuscire ad affondare il colpo vincente.I ritmi giocati sono stati molto alti, la compagine di Drago si è mostrata insidiosa in casa, sarà dura anche per le grandi del campionato giocare sul campo calabrese.I biancorossi hanno mostrato il loro carattere, ma sabato è mancato il guizzo vincente capace di cambiare volto alla gara. Meno vispo del solito l’attacco, non riuscendo a concretizzare le azioni sotto porta avute. Nel complesso ci può stare il punto, ricordando che l’obiettivo minimo resta la salvezza, ed il Bari avrebbe ben undici punti. Non c’è nulla da recriminare  nei confronti al reparto guidato da capitan Caputo che fino si è messo in luce con buone prestazioni.Unica nota stonata della gara allo “Scida” è stato il rigore causato da Defendi con conseguente espulsione al novantatreesimo del secondo tempo. Un’ingenuità che poteva costare cara ai galletti, vanificandone la buona prova. Strepitoso Lamanna, il quale è riuscito a parare il penalty di Caetano, rendendosi protagonista di un’ottima prestazione durante tutto il match. Il portiere di proprietà del Genoa è cresciuto molto, lo si vede dalle uscite e dal modo di difendere la propria porta. Per il Bari è un valore aggiunto ed un potenziale da sfruttare. In generale ci sono molto elementi interessanti che possono fare degli uomini di Torrente la scheggia impazzita della B. Lo si è visto nel modo in cui si è passati dal 3-4-3 al 4-3-3 a gara in corso, basandosi sulle caratteristiche dell’avversario, senza risentirne dal punto di vista tattico.Ma non c’è tempo e si deve guardare già avanti, oggi il Bari sarà impegnato sul neutro di Andria contro la Pro Vercelli. I piemontesi vengono da due vittorie di fila, dopo lo stentato avvio di campionato, i prossimi avversari appaiono abbastanza tonici dal punto di vista offensivo con Tiribocchi che potrebbe essere l’arma in più.Non prenderanno parte alla trasferta gli infortunati Madolo, Scavone e De Paula, mentre rientrerà dalla squalifica Cancellotti.Al “Degli Ulivi” nella rosa barese saranno assenti Filkor, l’ungherese non ce l’ha fatta a recuperare dall’infortunio data la vicinanza tra i due turni, ed Altobello ancora alle prese con un leggero affaticamento muscolare. La formazione di partenza scelta da Torrente dovrebbe essere la stessa di Crotone, con qualche cambio sulla fascia, visto la squalifica di Defendi. Probabile spazio a Galano e Sabelli sulle ali, con Albadoro in attacco assieme a Iunco e Caputo. La Pro Vercelli verrà in Puglia cercando d’offrire una superba prestazione, mostrando stessa tenuta evidenziata contro il Sassuolo. Gli uomini di Braghin appaiono ben motivati ed attrezzati, la difesa sta mostrando grandi margini di miglioramento, il centrocampo é tonico, duttile e molto ispirato, i tre uomini di punta Caridi, Tiribocchi e Fabiano rappresentano il pericolo maggiore. Il Bari dovrà cercarsi di “specchiarsi” meno possibile con l’avversario concretizzando tutte le azioni a suo favore; chiudendo tutti gli spazi e le impostazioni di gioco da parte degli ospiti.La Pro è cresciuta molto rispetto le prime partite, lo si è visto nel facile tre ad uno ottenuto contro l’Ascoli, abituandosi ai ritmi del campionato cadetto. Sfide come questa assieme quella di Crotone, rappresentano gli ostacoli più duri per il cammino barese, da non sottovalutare sotto alcun aspetto.I vercellesi hanno nella costruzione di gioco, e nella facilità ad arrivare in area avversaria il loro fulcro. Il Bari dovrà stare attendo a realizzare marcature efficaci, evitando svarioni difensivi.Come sappiamo la gara in casa con la Pro Vercelli si giocherà sul neutro di Andria per via della risistemazione del manto erboso del “San Nicola”.Sabato pomeriggio il sindaco Emiliano assieme all’assessore allo sport Elio Sannicandro hanno fatto un sopralluogo allo stadio per capire se c’era la necessità di giocare fuori dalle mura amiche altre partite oppure no. In contraddizione a quello emerso nei giorni scorsi, la prossima partita in casa il 6 Ottobre contro il Vicenza dovrebbe giocarsi all’interno dell’astronave. Emiliano ha elogiato la scelta della società di far terminare con calma i lavori, per permettere al prato di posarsi, spostando la sede della partita di oggi. Per il sindaco la ricostruzione del manto erboso ha significato un impegno economico sostanzioso da parte del Comune, mostrando a tutti gli effetti un riavvicinamento nei confronti dei colori biancorossi, sottolineando il lavoro impeccabile svolto dal dg Garzelli negli ultimi mesi nella gestione economica societaria.

Davide Annicchiarico

 788 total views,  3 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *