Attualità

Assange è libero, fondatore di Wikileaks ha lasciato Regno Unito – Video

(Adnkronos) –
Julian Assange è libero. Il 52enne fondatore di Wikileaks, dopo oltre 5 anni di carcere – 1901 giorni – nel Regno Unito, ha raggiunto un accordo con il Dipartimento di Stato americano. Assange, in carcere per aver pubblicato con Wikileaks migliaia di documenti militari e dispacci diplomatici riservati di Washington, nella lunga battaglia legale aveva recentemente ottenuto il via libera dall'Alta Corte Britannica per presentare ricorso contro l'estradizione negli Stati Uniti.   Assange, come mostra un video diffuso da Wikileaks, ha lasciato il carcere di massima sicurezza di Belmarsh nella giornata del 24 giugno, ha raggiunto l'aeroporto di Stansted e si è imbarcato su un jet privato con cui ha lasciato il Regno Unito. A bordo ci sarebbe anche un funzionario del governo australiano. L'aereo, come evidenzia FlightRadar, è diretto verso Bangkok, probabilmente per uno scalo tecnico.  La Bbc fa riferimento a documenti processuali secondo cui Assange dovrebbe comparire mercoledì mattina in un'aula di tribunale delle Northern Mariana Islands, nell'Oceano Pacifico, sotto la giuridsizione degli Stati Uniti, per formalizzare l'accordo che chiuderà il caso. Assange avrebbe accettato, nell'ambito dell'intesa, di dichiararsi colpevole per una singola accusa. Il fondatore di Wikileaks dovrebbe essere condannato ad una pena di 62 mesi da scontare in carcere, ma secondo l'intesa – dopo la detenzione nel Regno Unito – non passerà più tempo in cella. Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Assange tornerà in Australia.  "Siamo a conoscenza del fatto che il cittadino australiano Julian Assange ha in programma un procedimento legale negli Stati Uniti", ha affermato un portavoce del primo ministro australiano Anthony Albanese in una dichiarazione. "Il governo australiano continua a fornire assistenza consolare al signor Assange. Il primo ministro Albanese è stato chiaro: il caso del signor Assange si trascina da troppo tempo e non c'è nulla da guadagnare dalla sua prolungata detenzione", ha aggiunto.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 25 Giugno 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio