Emiliano: “Misure più severe oppure ospedali pieni”
24 Ottobre 2020
Un Bari travolgente batte un Catania coraggioso
27 Ottobre 2020

Auteri: “In difesa diverse possibilità, affronteremo un ottimo Catania”

Mancano poco più di otto ore alla sfida di questa sera tra Bari e Catania, con i biancorossi scesi al quarto posto con undici punti e due partite in meno rispetto alla capolista Ternana, quest’ultima a quota 15 punti, mentre la squadra etnea più dietro a sei punti, ma in realtà se non fosse per la pesante penalizzazione di quattro punti ne avrebbe avuti dieci. Classifiche e statistiche a parte, sarà uan sfida dal sapore amaro perché con il nuovo Dpcm di ieri, entrato in vigore dalla mezzanotte di ieri, il Bari è l’unica squadra di Lega Pro fortemente penalizzata che continuerà a giocare a porte chiuse ed i mille tifosi che erano previsti, non potranno accedere ad esclusione della stampa, ma anche li ci sono restrizioni come è legittimo che sia con i tempi che corriamo. La colpa? C’è da interrogarsi perché qualche luminare ha deciso se i contagi erano già in aumento di prevedere una riapertura parziale, salvo poi cambiare nuovamente ‘lume della ragione’ e a questo punto penalizzare i Galletti, che invece scendono in campo questa sera a differenza di chi ha giocato ieri ed ha potuto annoverare tra le proprie fila, un poò di tifo di casa anche se in modo fortemente ‘ristretto’. I misteri del calcio, del ministro dello Sport e forse anche di qualche altro politico che rivestono cariche istituzionali ed in questo momento gravissimo storico, pensano più a ‘legiferare’ e ad imporre restrizioni dopo che era stata abbassata la guardia neanche se si fosse vinto la guerra epidimiologica. Male, anzi malissimo, meglio concentrarsi per il momento sulla partita di questa sera.

Le parole alla vigilia della partita del tecnico del Bari, Gaetano Auteri, intervenuto in conferenza stampa, il quale è partito dal congratularsi con la squadra di mister Raffaele: “Hanno disputato una buona partita contro la Ternana, e penalizzati da un paio di errori. Il Catania è una squadra importante con giocatori di qualità ed esperti a partire dal pacchetto difensivo composto da Tonucci, Claiton (quest’ultimo a quota tre gol, ma insieme a Tonucci, ex Bari, ndr), Calapai, Silvestri, Pinto e Zanchi. Ha un buon livello tecnico in mezzo al campo e giocatori importanti in avanti. Sono una squadra da prendere con le pinze e ben allenata. Dobbiamo fare molta attenzione, stanno facendo bene e siamo due squadre che si giocheranno la partita a viso aperto. Sarà un bel test, un confronto impegnativo, tra le migliori di questo campionato. Anche se ci sono almeno una decina di squadre di medio alto livello con queste caratteristiche nel nostro girone. Forse nel passato non era mai accaduto”. Mister Pino Raffaele del Catania che a Potenza nelle ultime due stagioni ha conseguito risultati strabilianti, conducendo la squadra sempre ai playoff e tra le primissime del girone C.  Sul pareggio ottenuto in quel di Monopoli il mister biancorosso è tornato a soffermarsi: “I dettagli sono determinanti ma soprattutto la prestazione continuità. Ripeto, sono soddisfatto della prova dei ragazzi, anche se nel secondo tempo le geometrie si ono un poichino perse a causa sia dell’atteggiamento del Monopoli e del campo, non in buone condizioni”. Un Bari ed il tecnico ne è consapevole che non deve trascurare i dettagli. Sulla possibile formazione l’alleantore non si sbilancia però ha dato diverse indicazioni su alcuni singoli, e su chi potrebbe giocare al posto dello squalificato Sabbione: “Non ho ancora deciso, abbiamo Minelli e Perrotta, ma anche Ciofani ha qualche possibilità in quel ruolo. Dipende dalle caratteristiche degli avversari. Bianco sta bene, ha avuto un taglio alla tibia che ha comportato dei punti di sutura ma è convocato. Hamlili? Lo stimo dal punto di vista umano e della professionalità e fa parte del contesto. I nuovi? Il problema è che entrano in una competizione forte dove giochiamo contro squadre già rodate. I ragazzi stanno crescendo ma hanno bisogno di tempo”.  Chiusura sul Covid in costante aumento; “Non credo alla sospensipone dei campionati. Noi viviamo in una specie di bolla. Facciamo casa ed allenamento, i contatti è meglio non averli in questo momento. Dobbiamo avere senso di responsabilità. Poi uno-due giocatori positivi possono capitare però non credo si possa rinviare tante partite, altrimenti tutto viene falsato”. Insomma, stasera si accenderanno i riflettori del San Nicola ma ancora una volta senza ultras ed il proprio pubblico, ma la ‘mazzata’ ulteriore e che il Bari a differenza di altri club dovrà fare ancora meno del proprio tifo seppur in modo parziale, rispetto a chi ieri  e mercoledì ne aveva invece giovato. LA PROBABILE FORMAZIONE: Frattali; Celiento,, Di Cesare (capitano), Perrotta; Ciofani, Maita, Lollo (Hamlili), D’Orazio; Marras, Antenucci, D’Ursi. A disposizione torna il guerriero Simone Simeri, fresco di rinnovo, ci sarà anche Andreoni, ancora out, invece, De Risio. Mentre nel Catania tra gli ex ci saranno il brasiliano Claiton e Tonucci, nel Bari, Antenucci e Semenzato. (Ph. Tess Lapedota)

Marco Iusco  

 

 

 

 303 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *