Cronaca

Autobus guasto al traino sul lungomare, almeno non è andato in fumo

Tutto è accaduto nel corso dell’ultimo fine-settimane e non sarebbe certamente la prima volta che una cosa del genere accade, a Bari: orario di punta, bus fermo sul lungomare Nazario Sauro. Sembrerebbe per un guasto, di certo è che tre persone sono al lavoro attorno all’automezzo con un traino e i passeggeri sono stati trasferiti su un altro bus.  Il consigliere Michele Caradonna (Fratelli d’Italia) è là vicino e vuole capire cosa sta accadendo, ma non tutto fila liscio: <<Alla mia richiesta di chiarimenti su cosa fosse successo, è calato il silenzio. Nessun tipo di risposta è stata fornita, neanche la più semplice, almeno a riguardo del numero della linea. Pur essendomi presentato e qualificato come consigliere comunale e dunque come figura istituzionale, il personale li presente non è stato disponibile a fornire alcun tipo di riscontro. Non ho voluto insistere, per non creare imbarazzi nei dipendenti che rispondevano. Mi è apparso fin da subito che questo tipo di atteggiamento di chiusura, non del singolo, ma condiviso dalla tre persone li presenti tra tecnici e personale per il traino del mezzo, possa essere frutto di una qualche disposizione ricevuta  in merito alle dichiarazioni da “non” fare>>. E ci sarebbe davvero poco da sorprendersi, tenuto conto che il Comune di Bari –fa sapere ancora il consigliere Michele Caradonna – ha diramato una comunicazione rivolta ai propri dipendenti, nella quale fa divieto di commentare sui social network l’attività della amministrazione comunale. Pertanto, per sapere qualcosa in più su questi nuovi mezzi che accade sempre più frequentemente di incrociare, mentre per un guasto bloccano viabilità e creano non pochi disagi a passeggeri e automobilisti, Caradonna ha assicurato che presenterà regolare interrogazione al Sindaco e ai vertici dell’Azienda Municipalizzata ai Trasporti Urbani, per capire appunto quali sono i mezzi che hanno registrato negli ultimi mesi un guasto tecnico, che tipo di problematica è stata riscontrata e come si è intervenuto fin ora in termini di manutenzione e costi dei mezzi. Conclusione? <<Trovo assurdo che i lavoratori Amtab lavorino più per risolvere i problemi dei nuovi mezzi tra trasferimenti dei passeggeri da un bus all’altro e traini dei mezzi piuttosto che intensificare i collegamenti e migliorare il servizio>>.(adl)

 


Pubblicato il 29 Maggio 2018

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio