Troppe donne per Ninco Nanco
7 Febbraio 2013
“Il voto dato alla nostra lista è un voto utile”
7 Febbraio 2013

Bari: i punti possono arrivare

Avvicinamento verso il prossimo turno, gli uomini di Torrente preparano al meglio la gara in cerca della vittoria che può dare morale e soprattutto punti preziosi in ottica salvezza. Contro il Varese saranno tutti a disposizione, nessun giocatore è squalificato o infortunato, potrebbe rientrare dai primi minuti Fedato per dare vigore all’attacco apparso spento e poco incisivo. Il Bari necessita di tornare a vincere, il giovane in comproprietà con il Catania smaltito il periodo di calcio mercato con le voci che lo volevano vicino a qualche big del calcio italiano potrebbe contribuire al salto di qualità del reparto avanzato. Le sue incursioni sulla fascia e la velocità sono le armi per affrontare a viso aperto la manovra dei laterali varesini. Sul fronte lombardo la formazione di Castori è scesa in campo al Franco Ossola nella giornata di lunedì riprendendo la preparazione settimanale. Nella prima parte dell’allenamento la squadra ha lavorato sulla parte atletica, mentre nella seconda ha svolto esercizi di natura tecnico-tattica. Alla seduta non ha preso parte Rea sarà assente per tre settimane a causa di una distorsione alla caviglia rimediata nel match contro il Modena, salterà la trasferta pugliese; hanno lavorato a parte il difensore Carrozzieri e il portiere Bressan. Nella giornata di ieri i prossimi avversari del Bari hanno effettuato un’amichevole vincendo per 2 a 1 contro il Verbano. Durante la partita hanno preso parte i giocatori meno impiegati per accumulare minuti nelle gambe e ritrovare il ritmo partita. Castori ha commentato così l’uscita infrasettimanale:” Sono soddisfatto la gara ci ha permesso di monitorare e perfezionare la tenuta fisica dell’intera rosa che ho a disposizione in modo che chiunque io voglia mandare in campo possa rendere al meglio dal punto di vista fisico”. La situazione in casa barese al di là del calcio giocato si fa abbastanza movimentata. Per evitare un’altra penalizzazione, la quale comprometterebbe ulteriormente la classifica, la società è tenuta a versare entro la metà di febbraio ben un milione e trecento mila euro. Una cifra che riguarda sia il bimestre novembre-dicembre relativo agli stipendi dei tesserati che quello delle rate da versare all’Erario. Il tempo stringe e il piatto piange purtroppo le mancate cessioni di gennaio sopratutto quella di Bellomo non hanno permesso al club di poter affrontare la questione senza alcun tipo di affanno. La soluzione resta quella di un’ulteriore spalmatura del debito in più anni, con il rischio comunque che entro fine stagione il Bari possa ricevere 1 o 2 punti di penalizzazione da aggiungere al pesante fardello del -7. Serve quindi una scossa in tutti i sensi, sfruttando il doppio impegno casalingo contro il Varese e il Crotone, la squadra di Torrente dovrà cercare in tutti i modi di portare più punti a casa. Anche il tecnico barese non sembra più così ottimista, certo con la Ternana si sono notati dei miglioramenti rispetto alla gara contro Ascoli, ma l’ansia del risultato potrebbe complicare l’approccio mentale dei ragazzi che scendono in campo. Ecco perché occorre una svolta nel gioco e nei risultati. Il mister campano dovrà evitare di rendere il tutto fin troppo prevedibile, magari facendo ridando spazio in attacco a Fedato dal primo minuto assieme a Galano e Caputo, per un Tallo che di certo non ha fatto rimpiangere chi è rimasto fuori. La calma è la virtù dei forti, così si dice e tale fattore dovrà essere determinante per uscire dal baratro in cui il Bari può precipitare, ponderando equilibrio e allontanando ogni tipo di pressione e timore da playout o retrocessione, nell’attesa di non veder vanificati i risultati messi in cascina nella prima parte del campionato, dove i giocatori e l’allenatore devono guardare per tornare a combattere con dinamismo e voglia di risultato che ha contraddistinto l’avvio stagionale. Rimescolare le carte potrebbe giovare, anche per non dare al Varese alcun tipo di riferimento. In tale ottica ha parlato il difensore Enrico Altobello facendo il punto della situazione sia sul match di Terni sia sui prossimi impegni:” Sabato ero molto teso, non scendevo in campo dall’ottava giornata con il Vicenza. Ho avuto un problema al ginocchio e sono rimasto fuori per un po’. Anche quando non giocato non mi sono mai lamentato. Devo continuare a lavorare al meglio per ritagliarmi il mio spazio. Dobbiamo sfruttare i prossimi due turni in casa, ci serve mettere in cascina punti importanti per uscire dalle zone basse. Lo abbiamo dimostrato possiamo fare grandi cose”. Il Bari dovrà scacciare la paura e tornare a dimostrare il proprio valore.

Davide Annicchiarico

 761 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *