“Il parco De Bernardis sarà pronto fra un paio di mesi”
5 Ottobre 2012
Bari e il chiasso, patto di sangue
6 Ottobre 2012

Bari riaccendi l’astronave con una prestazione positiva

Oggi il Bari sarà impegnato alle ore quindici sul proprio campo contro il Vicenza.Gli uomini di Breda hanno disputato un altalenante avvio di stagione, con due vittorie, tre pareggi e due sconfitte.Cosa dovrà temere il galletto? Sicuramente la profondità d’attacco vicentina, in grado di alternare diversi uomini, tutti capaci di dare il loro contributo e mettere la palla in rete.Alla possibilità di avere più pedine nello scacchiere, c’è da aggiungere il fatto che i veneti possano contare su uomini d’esperienza come Semioli, Pinardi, Pisano e Plasmati in grado di garantire la sicurezza necessaria ai loro compagni.Il modulo adottato dal tecnico della prossima avversaria del Bari è il 3-5-2 trasformabile in un 3-5-1-1 in base alla posizione di Semioli. Lo schema tattico può subire qualche variazione in corso d’opera, in ottica di gestione del risultato; Breda sposta Giani laterale difensivo di sinistra reso duttile ed utilizzabile come esterno di centrocampo, sacrificando Di Matteo giocatore dalla caratteristiche offensive ed inserendo Brighenti. I limiti che emergono sono per lo più difensivi, il Vicenza gioca molto sulle ripartente laterali, le quali permettono di servire le avanzate degli attaccanti in area, lasciando modo alla squadra che vanno di affrontare di poter aggredire di contropiede sfruttando i vasti spazi concessi.Se da un lato i vicentini si allungano molto, dall’altro hanno mostrato in queste ultime uscite di aver molto carattere e di giocarsi il tutto per tutto fino agli sgoccioli della gara. Lo si è visto nella rocambolesca vittoria contro il Grosseto la scorsa giornata, ed il pareggio in extremis contro il Brescia.E’ un fattore a cui il Bari dovrà badare molto, cercando di chiudere il prima possibile la partita contenendone la spinta e non dimenticando d’aver davanti l’unica compagine in grado d’aver bloccato il Sassuolo, primo in classifica, sul pareggio.Nelle prime sette giornate spinto dai mezzi a disposizione il Vicenza ha messo in difficoltà squadre del calibro come Spezia, Cesena, Brescia e Verona. L’organico non sembra composto per lottare per i bassi fondi della classifica e sono convinto che che i lanerossi se la giocheranno partita dopo partita, con il rischio di diventare una delle sorprese dell’intero campionato.La formazione vicentina ipotizzata per la gara del pomeriggio dovrebbe essere questa 3-5-1-1 con Pinsoglio in porta, difesa composta da Camisa, Pisano e Giani, Gavazzi, Misuraca, Castiglia, Pinardi e Di Matteo nella linea mediana con Semioli in appoggio di Malonga in attacco. Non sarà presente il laterale Padalino, gli accertamenti effettuati hanno evidenziato una contrattura all’adduttore della coscia sinistra. L’atleta ha svolto una seduta personalizzata. Sicura la sua assenza. Anche Rigoni ha lavorato a parte per i postumi di un problema muscolare al retto femorale della coscia destra e non sarà rischiato. In casa Bari, Torrente potrebbe utilizzare una difesa a quattro se vuole garantire maggior sicurezza dietro, con Borghese e Ceppitelli centrali, Polenta e Sabelli laterali, in un’eventuale difesa a tre invece il ragazzo cresciuto nel vivaio della Roma, Sabelli diventerebbe l’uomo aggiunto di centrocampo con Polenta che andrebbe a completare la linea di difesa. A prescindere dal modulo scelto, dovrebbe essere preferito Borghese ad Altobello, visto che quest’ultimo viene da un problema muscolare e non credo che il mister voglia metterlo in campo da subito, inoltre l’ex Gubbio è apparso in un buon momento di forma, giocando con autorità e fermezza durante il secondo tempo di Verona, dimostrandosi uno dei migliori.A centrocampo sicura la presenza di Bellomo e Romizi, mentre Torrente dovrà sciogliere il dubbio tra Sciuadone e Filkor. L’ungherese è di nuovo disponibile a seguito dell’infortunio che l’aveva tenuto fermo ed ha recuperato la condizione.In attacco continua il ballottaggio tra Galano ed Albadoro, ma il primo dovrebbe partire titolare, viste le condizioni non ancora al top dell’ex Juve Stabia, il quale ha ammesso di non essere ancora al meglio, a causa dei problemi al ginocchio e al flessore, ma si è detto ottimista e volenteroso di rimettersi in forma. Si sta allenando cinque ore al giorno voglioso di dare una mano alla squadra con le sue prestazioni nel raggiungimento di tutti gli obiettivi.Confermati Iunco ed il capitano Caputo, il quale dovrà stare attento a non ricevere alcuna ammonizione visto la diffida per somma di cartellini gialli.Arbitro dell’incontro sarà il sig. Federico La Penna assistito dal sig. Bagnoli e dal sig. Carbone, quarto uomo il sig. Morreale, assistente di porta il sig. Franceschini. Ora tocca solo al Bari riaccendere l’astronave con una bella prestazione.

 

Davide Annicchiarico

 672 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *