Ennesimo indagato, ma l’indagine sugli incentivi non decolla
2 Aprile 2016
Camplone: “Soddisfatto dal punto conquistato, adesso sotto con il Livorno”
5 Aprile 2016

Camplone: “Deve essere la partita della svolta”

Tutto pronto per stasera, l’atmosfera dalla scorsa settimana si è surriscaldata giorno dopo giorno, ed adesso finalmente è arrivata l’ora della fatica sfida tra il Bari e Cesena, le quali potranno anche sfruttare che le altre partite si sono già disputate. Ieri sera il posticipo tra Novara e Salernitana si è concluso in extremis sul risultato di parità acciuffato dai campani, ciò consentirà chi dovesse vincere tra il Bari e la formazione romagnola di portarsi da sola al terzo posto, ma la parola spetterà come sempre al campo e a ciò che sarà decretato al triplice fischio. Nella consueta conferenza di ieri alla vigilia della partita il tecnico Camplone ha esordito caricando la squadra e l’ambiente: “Dovremo essere molto aggressivi e non permetterli di farli ragionare perché incontriamo una squadra molto tecnica. Siamo consapevoli che avremo un San Nicola gremito e vogliamo rendere felici i nostri tifosi. Siamo contenti di aver riportato gente allo stadio e ci teniamo a vederlo sempre pieno”. All’andata il Bari ha battuto in trasferta la formazione romagnola ma stasera gli avversari saranno agguerriti e cercheranno dal primo minuto di espugnare il fortino biancorosso: “All’andata abbiamo disputato una delle nostre migliori partite. Il Cesena è una squadra ben costruita e sono partiti a fari spenti con una rosa importante, L’allenatore Drago propone un calcio propositivo ed ha saputo stimolare al meglio i suoi giocatori. Le critiche agli arbitri credo sia stata pretattica, nulla di particolare”. Ma anche il suo Bari nelle ultime tre partite sembra aver cambiato notevolmente registro e che abbia innestato la sesta marcia specie nel reparto offensivo: “Mi piace attaccare con più uomini, non ne ho mai fatto mistero. Ma il calcio di Zeman è decisamente più spregiudicato. Il nostro attacco può migliorare ancora tanto, a partire da Rosina, con Sansone che si è sbloccato e senza dimenticarsi di De Luca che sta recuperando insieme a tutto il resto del reparto, sono fortunato ad allenarli”. Ventidue i convocati, compreso Dezi uscito malconcio dalla sfida di Salerno, ma nella rifinitura di stamane il tecnico valuterà le condizioni del giocatore. Non sono stati convocati Gentsoglou, Minala, Cissokho e Di Noia (che ha preso parte alla partita con la Primavera). L’allenatore ha concluso la sua disamina aggiungendo pepe: “In difesa siamo consapevoli che dobbiamo migliorare ma le colpe non sono solo della difesa. Quando c’è da soffrire tutti devono dare una mano e le critiche aiutano a crescere. Abbiamo lavorato molto e c’è ancora da limare alcuni aspetti. Sarà una partita fondamentale per noi ed una vittoria, la quarta di fila, potrebbe darci una spinta notevole per la zona playoff”.

Marco Iusco

 341 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *