Camplone: “Deve essere la partita della svolta”
4 Aprile 2016
Il Re uscì “scuro in viso”
5 Aprile 2016

Camplone: “Soddisfatto dal punto conquistato, adesso sotto con il Livorno”

Zero gol incassati per la truppa biancorossa che però questa volta non ne ha fatti davanti ai trentamila biancorossi che hanno riempito lo stadio San Nicola. Un punteggio già visto anche come partita nel girone di andata con il predecessore di Camplone, ma questa volta non è tutto da buttare perché di fronte c’era il Cesena, a pari merito in classifica, e perché nel primo tempo i biancorossi hanno giocato sfrontati soltanto che l’avversaria sin dalle prime battute ha messo la partita su un ‘altro piano, quello della battaglia senza esclusioni di colpi rendendo il gioco e palleggio quasi impraticabile. Come d’altronde è stato detto dal tecnico stesso al termine della partita: “Mi aspettavo una partita maggiormente a viso aperto, ma evidentemente il direttore di gara ha visto regolarità a tal punto da non essere sanzionate. Siamo comunque soddisfatti del punto conquistato”. Da segnalare sicuramente la prestazione sontuosa di Alessandro Rosina, il fantasista ha sfiorato il gol e inventata assist non sfruttati dai compagni di reparto, oltre alla certezza Micai che si è opposto in un paio di occasione nette agli attacchi degli avversari chiudendo la saracinesca. La classifica attuale racconta di otto squadre raccolte nell’arco di quattro punti, a partire dal seguente ordine, Novara sopra di un punto a 54, Bari, Cesena e Spezia appaiate a 53, con il Trapani a 52, seguito dal Pescara a 51, la Virtus Entella a 50 ed infine il Brescia ancora in corsa a 47.

Il tecnico a fine partita è entrato maggiormente nel dettaglio analizzando la gara: “Abbiamo fatto una buona partita complessivamente. Loro sono stati bravi a chiuderci gli spazi e spezzare i ritmi di gioco. Eppure qualcosina l’abbiamo creata là davanti ma non siamo riusciti a concretizzare. Potevamo portarla a casa con maggiore fortuna. Nel primo tempo Sansone ha avuto due buonissime occasioni. Il loro portiere si è superato neutralizzando quel colpo di testa. Peccato, potevamo approfittarne visto che si sono presentati in emergenza. E’ importante comunque non aver perso e continuare la striscia positiva. Sono soddisfatto anche perché la linea difensiva oggi ha retto bene. Ora andiamo a fare punti a Livorno, dispiace tuttavia non aver vinto davanti ad una cornice di pubblico fantastica che ringraziamo”. Maniero è apparso meno pimpante rispetto alle ultime partite, mentre De Luca subentrato negli ultimi sette minuti si è ben inserito: “A volte facciamo errori un po’ superficiali ma ci può stare che un giocatore sbagli un passaggio. Ho inserito Puscas perché attacca la profondità. Maniero? Ha accusato un po’ di fatica, ci sta, è da tanto che tira la carretta e sta facendo benissimo. De Luca? Ho deciso di farlo entrare perché l’ho visto molto motivato. Voleva spaccare il mondo, pian piano sta recuperando”. Infine il tecnico ha concluso su Defendi, preferito a Donkor: “Non è una bocciatura per Donkor, ma mi serviva uno con più gamba ed ho fatto tale scelta tecnica. Donkor ha maggiore dinamicità, ma ripeto ho preferito compiere altre scelte tecniche”.

Marco Iusco

 305 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *