Cronaca

Carceri in Puglia, tutto esaurito…e nessuno fa niente!

Numeri impressionanti, con poco meno di 4500 detenuti per 3mila posti regolamentari negli 11 istituti di pena

I sindacati autonomi lo denunciano da tempo, nell’indifferenza dell’amministrazione penitenziaria, che la Puglia è la regione più affollata di detenuti dell’intera Nazione,  con un tasso di sovraffollamento medio del 165% (punte al 90%), cui fa da contraltare la più bassa percentuale di rapporto poliziotti/detenuti. Eppure, nonostante questa situazione che ha azzerato la sicurezza delle carceri pugliesi, la politica, assieme ai vertici del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (Dap) fanno finta di nulla. E così nel nulla finiscono le richieste di aiuto. <<In questi anni il nostro sindacato ha denunciato l’aumento impressionate dei detenuti, per cui ora siamo al capolinea: in tutte le nostre carceri non ci sono più posti/letto od altro per accogliere i detenuti>>, batte nuovamente forte i pugni Filippo Pilagatti, segretario del Sindacato Autonomo della Polizia Penitenziaria (Sappe). I numeri + sono impietosi con Taranto +185%; Foggia +190%; Lecce+180%; Bari+170%. <<Ormai a ogni blitz delle forze dell’ordine è praticamente impossibile trovare un posto, nelle carceri pugliesi. Non conosciamo -conclude Pilagatti – le motivazioni per cui si penalizza la nostra regione, fino a farla scoppiare, ma sappiamo bene chi sono i responsabili d’una situazione collassata con evasioni, suicidi, rivolte e proteste sotto gli occhi di tutti. Un solo dato per capire di cosa stiamo parlando: nel 2001 i poliziotti penitenziari in Puglia erano 2530, ora   superano di poco le 2mila unità e nel frattempo i detenuti sono aumentati in maniera impressionante>>

Francesco De Martino


Pubblicato il 29 Febbraio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio