Al via l’ottava edizione del “Trail delle 5 Querce”
16 Maggio 2019
Crisi abitativa: è sempre emergenza
16 Maggio 2019

Che vuol dire essere un manager etico?

A colloquio con Michele Tribuzio, “Zio Mike”, coach, formatore manageriale ed esperto di comunicazione, ha frequentato seminari e master internazionali con personalità del calibro di Roy Martina, Deepak Chopra, Anthony Robbins, John Grinder, divenendo, a sua volta, trainer ad alto livello.

 

Come è nata la Zio Mike Foundation Onlus?

 

Avevo già partecipato ad alcuni progetti di beneficenza in favore dei bambini con gli amici Angela e Fabio Candalice, fondatori del Granello di Senapa.  La consapevolezza di quanto ciascuno di noi possa fare la differenza nella vita di un bambino in difficoltà, è stata la forza motrice alla costituzione di un’associazione che potesse contribuire concretamente al miglioramento o al sostentamento di bambini in condizioni di disagio.

 

Con queste premesse nel 2011 con Angelo Valenzano, carissimo amico nonché Senior Manager di Banca Mediolanum, e Raffaella Mele che collabora con me da tantissimi anni, abbiamo deciso di dar vita alla zio Mike Foundation Onlus per sostenere le due figure più fragili della nostra società: bimbi ed anziani.

 

Infatti, seppure i primi progetti siano stati dedicati soprattutto ai bambini, nei programmi futuri dell’associazione ci saranno sicuramente anche progetti che sostengano i nostri nonnini, figure spesso abbandonate dalla società moderna in quanto esclusi da cicli produttivi. Non dovremmo dimenticare, invece, che le loro competenze e la loro memoria è un patrimonio importantissimo anche per le nuove generazioni e che quel ciclo della vita, se saremo fortunati, toccherà a tutti.

 

 

 

Come coniughi la tua attività di coach e formatore con la beneficenza?

 

E’ davvero facile! Proprio la conoscenza di tante persone, l’incontro con tanti percorsi umani differenti, avvicina sensibilmente ai bisogni dell’altro ancora più a quelli dei bambini o di adolescenti. Attraverso questo meraviglioso lavoro ricevo segnalazioni e richieste di progetti da sostenere e soprattutto abbiamo la possibilità di diffondere attraverso i tantissimi contatti ed amici la raccolta fondi per il progetto che  in quel momento stiamo seguendo.

 

 

 

Qual è il progetto che più hai sentito vicino e che ti è rimasto nel cuore?

 

Può sembrare banale, ma direi tutti! Forse qualcuno di più, ma di ciascuno ho un ricordo preciso, fissato nel mio cuore. Il 1° progetto, per esempio, ci ha portato nella casa famiglia “Madre Arcucci” a Bari e proprio durante il primo incontro con le responsabili della casa famiglia: insieme a loro ho incontrato due bimbi piccolissimi di poche settimane, in attesa di affido. Non dimentico l’emozione provata quel giorno e la gioia di poter in qualche modo contribuire al miglioramento della vita di altri bimbi come loro. Un altro momento emozionante e indimenticabile è stato l’incontro vissuto con i bambini seguiti dall’Arciconfraternita Opera Pia SS del Carmine del borgo antico di Bari: i loro progetti per il proprio futuro, la dedica con foto ricevuta sono ricordi custoditi nel mio cuore. Ma ogni progetto ha avuto una parte importante in questi anni e lo testimoniano le foto e i resoconti che abbiamo pubblicato sul sito della nostra onlus http://www.ziomike.it/2010/12/10/solidarieta-zio-mike-foundation-onlus/

 

 

 

Qual è il prossimo progetto della zio Mike Foundation?

 

Caro Alessandro, ti ringrazio per questa domanda perché mi dai la possibilità di diffondere il prossimo e bellissimo progetto che si chiama “Il Cerchio dell’Amore” e si terrà a Bari Sabato 18 Maggio presso il Centro Congressi Barion Hotel.

 

E’ il terzo progetto creato con gli amici di RISE AGAINST HUNGER, un’organizzazione mondiale che raccoglie fondi e confeziona pasti liofilizzati sottovuoto e altamente proteici e nutrienti per i bambini dell’Africa. Lo fa in maniera gioiosa coinvolgendo tutti i partecipanti nel confezionamento, anche i bambini che vivono con i propri genitori un momento indimenticabile della loro vita contribuendo al miglioramento della vita di bimbi più sfortunati di loro.

 

Per darne un assaggio, vi invito a guardare questo video https://www.youtube.com/watch?time_continue=9&v=MhTrLCxgaT4

 

Il prossimo sabato vivremo per la 3^ volta questa giornata ricca di emozioni ma anche di riflessioni ( la mattina sarà dedicata al tema del rapporto genitori – figli) al quale vi invitiamo a partecipare insieme ai vostri figli : con un contributo di soli 50€ potrete fornire 200 pasti ad un bambino dell’Africa!

 

 

Alessandro Latorre

 

550 Visite totali, 1 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *