Attualità

Chi è Irene Cecchini, la ragazza italiana che ha stregato Putin

(Adnkronos) – Si chiama Irene Cecchini, si è trasferita a Mosca per studiare all'Istituto statale per le relazioni internazionali (MGIMO). Oggi, in un Forum, ha posto una domanda a Vladimir Putin sulle politiche industirali e l'immigrazione spingendo il presidente russo a esprimersi sull'Italia con toni nostalgici: "L'Italia ci è sempre stata vicina, ricordo come mi accoglievano, lì mi sentivo a casa". Irene Cecchini è una studentessa che dopo il liceo a Piacenza si è trasferita nella capitale russa. A giugno 2023, durante il terzo anno accademico, si è presentata con un'intervista al sito dell'Istituto che frequenta a Mosca.  "MGIMO è una delle università leader in Russia nelle relazioni internazionali e ha una lunga storia di prestigiosi ex studenti. I suoi docenti sono esperti rinomati nei loro campi. E ho potuto constatarlo personalmente. Prima di tutto, il MGIMO da molta importanza all'esperienza pratica e offre una vasta gamma di stage, scambi e programmi di studio all'estero", diceva. "Inoltre, il suo impegno per l'eccellenza accademica e la ricerca ha prodotto numerose pubblicazioni di articoli accademici, documenti di ricerca e libri. Poi, il MGIMO offre ampie attività extracurriculari, come conferenze con professionisti di alto livello in diversi settori, con ministeri e organizzazioni internazionali. Tutte queste possibilità aiutano gli studenti ad approfondire il proprio interesse e la propria passione in diversi campi", affermava la ragazza, impegnata nello studio del russo che, a giudicare alla conversazione sostenuta con Putin, ha dato ottimi risultati. "L'esperienza di imparare il russo può essere davvero stimolante poiché apre le porte alla comprensione di una cultura ricca e diversificata, diversa dalla tua", raccontava. "Inizialmente il russo può sembrare impegnativo, soprattutto a causa del suo alfabeto, del suo sistema di maiuscole e minuscole e delle regole di pronuncia differenti. Tuttavia, il livello di istruzione linguistica presso il MGIMO mi ha messo a disposizioni condizioni eccellenti per per imparare il russo. Nello specifico, mi ha fornito sia una solida base grammaticale che un'eccellente opportunità pratica attraverso discussioni in classe. Partendo da zero, ora sono in grado di parlare fluentemente questa lingua e persino di cogliere ogni sfumatura di significato in ogni parola, poiché il russo è una lingua molto variegata", aggiungeva. "Dato che sono una studentessa italiana con un diploma in latino e greco antico, imparare il russo può davvero essere un'esperienza unica e affascinante. Nonostante le strutture linguistiche e la grammatica del russo siano notevolmente diverse, possono comunque esserci alcuni elementi in comune", diceva ancora. La scelta del MGIMO a Mosca è legata alla "passione sempre avuta per relazioni internazionali e diplomazia fin dai tempi del liceo. Mentre cercavo diverse università in tutto il mondo che offrono programmi incentrati su questi settori, ho scoperto il MGIMO e sono rimasta immediatamente colpito dalla sua prestigiosa reputazione", spiegava ancora "All'inizio le mie aspettative sulla Russia si basavano principalmente sulle informazioni che ricevevo attraverso i media e sulle opinioni delle persone del mio paese. Tuttavia, è stata proprio questa visione unilaterale della Russia che mi ha spinto a esplorare e comprendere meglio questo paese. Ora, con l'esperienza personale vivendo in Russia, la mia prospettiva è cambiata. Ho scoperto che i russi sono cordiali, accoglienti e desiderosi di condividere la loro cultura e le loro tradizioni con gli stranieri. Inoltre, ho sperimentato personalmente molti aspetti positivi della cultura russa, come il forte senso di comunità e l'importanza di aiutarsi e sostenersi a vicenda". Inoltre, "ho scoperto l'incredibile patrimonio artistico che questo paese ha da offrire: vengo dall'Italia e ho potuto confrontare l'arte classica con quella russa, trovando molte somiglianze e differenze. Ora posso vedere quanto sia forte e ricco il patrimonio storico e artistico russo".   —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 20 Febbraio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio