Sport

Chianetta: “Senza alcun timore contro la prima della classe”

Intervenuto a margine della trasmissione “Barimania” ideata dal presidente Tonio Lucatorto e condotta dal giornalista e conduttore Marcello Mancino, il tecnico del Marsala, Ignazio Chianetta, il quale ha tracciato il punto alla vigilia della partita. “Loro vengono da un piccolo se così si può definire stop, e saranno sicuramente arrabbiati. Ma noi dovremo sfruttare a nostro vantaggio il pubblico di casa che accorrerà numeroso per la partita di cartello contro una big, la grande favorita direi”. Sul Bari che domenica scorsa è incappato contro la Turris, il tecnico più giovane della categoria ma allo stesso tempo un vincente da subito in quanto ha già vinto quattro campionati, rispettivamente due in Eccellenza, in Prima Categoria, e Promozione, ha voluto elogiare anche gli avversari: “Il Bari ha una marcia in più ma è pur vero che domenica hanno affrontato la Turris che ad inizio campionato anch’essa ha costruito la squadra per vincere il campionato con un trio di attacco di categoria, che forse a maglia invertita sarebbero stati anche più incisivi”. Su chi toglierebbe al collega mister Cornacchini, ha risposto in tono sarcastico: “Chi toglierei? Tutti. Da Brienza agli Under o i vari Neglia, Simeri, Pozzebon, Floriano che tornerà a giocare sicuramente dal primo minuto contro di noi, difficile toglierne uno”. Dall’altra parte però il Bari storicamente a Marsala ha sempre faticato, e su cinque precedenti ha vinto soltanto nel lontano Aprile 1954 per 2 a3 con gol di Mazzoni e Gamberini (doppietta), pareggiando e perdendo per ben due volte. Su che tipo di squadra i biancorossi dovranno aspettarsi, il tecnico non ha dubbi: “Noi giochiamo per vincere e fare il nostro campionato. Vogliamo raggiungere quanto prima una salvezza tranquilla e poi vedremo altri scenari possibili, Domenica mi auguro sia una giornata di festa dello sport, a prescindere dal risultato del campo. Però sicuramente i miei ragazzi scenderanno come sempre con la cattiveria, col nostro 4-3-3 a trazione offensiva ed il pressing alto”. Ieri si è fermato il secondo portiere del Bari, Ovidius Siaulys che starà fermo per circa 30-40 giorni a causa della presenza di un voluminoso idrolocale al testicolo destro. Al suo posto subentrerà temporaneamente il preparatore dei portieri, Vito Maurantonio, e non è escluso si intervenga sul mercato per reperire un altro secondo portiere, dal mercato degli svincolati.

Marco Iusco


Pubblicato il 19 Ottobre 2018

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio