“Per il nostro settore è una catastrofe”
28 Febbraio 2020
Battisti… come un attaccapanni
29 Febbraio 2020

Ciccio Brienza: “Siamo passati dalla gioia a un clima di esagerata depressione”

I due pareggi di fila, fanno seguito agli altri tre da inizio 2020, ma vanno visti anche con un’ottica diversa, quello che contro la Ternana è maturato il 23 risultato utile della compagine allenata da Vivarini e che la squadra pugliese mantiene ancora due punti dalla terza, Monopoli. Pareggi ottenuti contro la Cavese che ha battuto neanche due mesi fa, tre a zero la capolista fuori casa (unica ad oggi, in questo campionato ad averla battuta in trasferta) e contro la Ternana, già battuta con un sonoro 2-0 all’andata. Legittimo aspettarsi di più dall’armata biancorossa, partita per vincere il campionato, soltanto che un inizio balbettante e al di sotto delle aspettative, ed una straordinaria cavalcata da parte della Reggina capace di inanellare oltre dieci vittorie di fila, ha fatto ‘si’ che l’ottimo lavoro svolto sin qui da mister Vivarini, venisse offuscato a chi, evidentemente si sofferma a leggere i dieci punti di distacco dalla prima.

Con Vivarini il Bari che si trovava nelle retrovie della classifica ha risalito la china e fino a qualche settimana fa si era portata anche a meno sei dall’ottima Reggina, a prescindere che il campionato non è finito, anche se oramai è meglio pensare di blindare il secondo posto, visto lo stato di grazia di Monopoli ed il Potenza in ripresa, ma vanno sottolineati i 49 punti conseguiti dal tecnico barese in ventitré gare. Per non dimenticare Simone Simeri, in doppia cifra e ben due volte in doppietta, contro Avellino all’andata e contro il Rieti nel girone di ritorno. Ad evidenziare, la mancanza di equilibrio in casa Bari, da parte di molti tifosi, è stato il Brand Ambassador biancorosso, Ciccio Brienza, intervenuto ai microfoni di RadioBari, ieri mattina ha commentato: “Stiamo pagando qualche pareggio di troppo, e si alzato il gap con la Reggina. Noi abbiamo comunque dati importanti che devono dare fiducia in vista del proseguo. Dobbiamo migliorarci sempre di più, e se saranno playoff dovremo arrivarci con una mentalità vincente ed un gruppo forte. In questo momento stiamo subendo gol su palla inattiva e faremo maggiore attenzione. Il campionato si vince con la matematica fino a quando c’è, bisogna lottare per il primo. Dobbiamo pensare partita dopo partita. Noi siamo abituati a giocare sotto pressione, ed ai playoff non sarebbe facile per le altre”. Da ex numero dieci ad un altro, quello attuale è Karim Laribi, già al suo secondo gol. Brienza a tal proposito ha detto la sua ed anche sull’Avellino: “Karim ha fatto un gran gol. Ha qualità di categoria superiori, sapevamo che avesse questi colpi. E’ un giocatore importante per noi. L’Avellino? Lo abbiamo già incontrato due volte in questa stagione. Verranno al San Nicola per portarsi a casa punti utili. Se saremo più attenti e giochiamo come sappiamo, non avremo problemi”. Su Simone Simeri alla sua decima rete e su Zac Hamlili, entrambi sono stati anche suoi compagni nella scorsa stagione, il dirigente ha detto: “Simone è entrato molto bene con la Ternana, è la dimostrazione che è un gruppo sano e competitivo. Simeri è determinato e non molla mai. Hamlili? Serve per il suo dinamismo, rientrerà presto. E’ un giocatore importante”. Infine l’ex capitano biancorosso ha concluso con un appello; “Settimana scorsa si parlava ‘priscio’, ora c’è depressione. Ci vuole equilibrio. I processi si faranno alla fine, ora c’è bisogno di sostegno da parte di tutti per ambire al sogno”. (Foto di Tess Lapedota)

Marco Iusco

 

 

 522 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *