Sport

Ciro Polito: “C’è stato un calo fisiologico, ma vogliamo tornare a fare molto bene”

Ieri in conferenza stampa a metterci la faccia è stato il dirigente sportivo Ciro Polito, lo aveva fatto anche nella scorsa stagione, a gennaio quando il Bari incappò in due sconfitte ravvicinate ed attraversava un momento non felice. Il direttore in una conferenza stampa riservata alla stampa locale ha spiegato il momento e detto la sua, in modo schietto come sempre. Dopo una premessa molto piccante e con frecciate a qualche titolo di giornale il direttore sportivo ha risposto alle domande dei giornalisti. Capitolo Schiedler, parola a Polito; “E’ mancata la cazzimma ma la voglia c’è sempre stata. Era impossibile a dire che non abbiamo fatto risultati. Quando noi parliamo di soldi. Il Bari ha investito il giusto. Schiedler, il contratto è in linea anche con gli altri. Un investimento che andava fatto. A me piace l’attaccante che abbiamo preso e sono sicuro che ci darà soddisfazioni ed abbiamo il capocannoniere della serie B, ai Mondiali (Cheddira, ndr)”. Sul mercato ed investimenti da fare: “E’ nomale che se c’è bisogno di qualcosa ci faremo trovare pronti. La società chiede sostenibilità enza sottovalutare niente. La piazza merita la A, ma diamoci del tempo ed avevo dato tre anni. Siamo partiti fortissimo e a tutti piace sognare. però bisogna avere equilibrio, questa squadra ha fatto cose importanti e qualora ci fosse l’occasione per migliorarsi, non resteremo a guardare ma innesteremo profili per alzare la qualità: Vogliamo assestarci nella categoria e formare una squadra di categoria assoluta”. Sui numeri del Bari: “io non ho da gettare acqua sul fuoco. La squadra non vince da sei partite, ma è fisiologico avere anche un calo di brillantezza. Il Bari ha giocato sempre in modo uguale senza cambiare nulla tatticamente”. Su Ceter, anche lui non all’altezza delle aspettative, Polito ha risposto: “Damir lo ho detto dal primo giorno che la sua problematica sono gli infortuni, ed ha avuto diverse ricadute. Per adesso ce lo teniamo e sta bene, e valuteremo”. Sui due portieri, Frattali e Polverino ai quali hanno allungato il contratto, con Caprile il titolare ed altri possibili rinnovi: “Sui portieri è un discorso diverso ed avevo chiesto ad inizio di poter realizzare ciò, sugli altri c’è tempo e tireremo la linea per tutti, sia per chi rinnoverà e chi meno”. Sulle parate di Caprile e sull’atteggiamento degli avversari: “All’inizio non ci conoscevano ed eravamo più spavaldi noi, poi ti studiano e abbiamo messo quella fame, qualcosa è venuto meno, ma si sta lavorando per un Bari migliore senza buttare nulla, non dimentichiamoci siamo una neopromossa”. Sul rendimento delle ultime gare, il diesse ha risposto se avrà o meno la possibilità di “aggredire” il mercato: “Dobbiamo anche smaltire la rosa, con tre fuori, ma lo faremo. Aggredire il mercato di gennaio, no lo so, ma uno, due tre massimo ma che possano alzare il livello della squadra”. Sulla gara di domenica contro Pisa, di D’Angelo, ancora imbattuto sotto la guida del tecnico subentrato: “Io voglio vincere sempre, anche con una gara sporca, essendo meno belli. La serie B mai come quest’anno è molto equilibrata. Riportiamo i dettagli dalla nostra parte e tornare a vincere”. Ultima chiosa su Botta: “Siamo innamorati di Botta, ha estro e qualità, a volte ha impattato e fatto una prestazione non all’altezza, ma quelli che entrano fanno la differenza e lo deve fare anche chi subentra”. Infine da Salcedo: “Pretendo di più, ha fatto un eurogol ed assist ma può fare di più” (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 


Pubblicato il 1 Dicembre 2022

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio