Sport

Con il Cosenza per farsi un regalo di Natale e ritrovare serenità

Quest’oggi la conferenza del tecnico Pasquale Marino alla vigilia della gara

Dopo la cena di Natale martedì sera ed all’incontro con la stampa a mezzogiorno, il messaggio all’unisono che il presidente Luigi De Laurentiis ed il diesse Ciro Polito hanno lanciato è quello di ritrovare serenità e riconquistare la fiducia del proprio tifo attraverso i risultati e una campagna di rinforzi tempestiva nel mese di gennaio. Ma prima di tutto ci saranno due scogli da affrontare a distanza ravvicinata, il primo si chiama Cosenza, sotto soltanto di un punto e che in trasferta fatica non poco nonostante ha un discreto organico, e poi a seguire il 26 dicembre nel boxing day o cosi detto giorno di Santo Stefano ci sarà la trasferta a Genova, esattamente un anno dopo quella con il Genoa, cambiano però gli avversari, e sarà la Samp di Andrea Pirlo e del pugliese Nicola Legrottaglie. Quest’oggi ci sarà la consueta conferenza stampa della squadra guidata da Pasquale Marino e successivamente e immediatamente dopo la rifinitura che potrà sciogliere gli ultimi dubbi di formazione, laddove ne avesse il tecnico biancorosso. Sicuramente tornerà titolare nell’attacco dei pugliesi Peppe Sibilli, autore di cinque gol e trascinatore in questo campionato insieme al capitano Valerio Di Cesare, ma è anche ovvio e scontato che servirà una risposta da parte di tutto il gruppo e per lo meno di chi si sente utile alla causa. Diversamente, chi non è motivato, o è la testa con altrove si può chiamare già fuori lasciare spazio a chi ha la determinazione ed orgoglio di dimostrare di lottare per la maglia che si indossa. Un Bari che se ha ambizioni di playoff deve centrare due vittorie nelle restanti gare che chiuderanno il girone di andata ed anche in tal caso la zona playoff sarà una chimera, perché in questo caso bisognerebbe sperare che il Modena ottavo, ma anche Brescia e Bari che precedono i Galletti, non facciano risultato. La priorità deve essere fare punti per poi sperare e fare di tutto per essere più performanti nel girone di ritorno, dove rinforzi alla mano, bisognerà avere un piglio diverso. La storia dei confronti tra le due squadre vede il Bari in vantaggio con 17 vittorie, 7 pari e 10 sconfitte, e nei confronti casalinghi ha riportato undici vittorie, quattro pari e due sole sconfitte che casualmente e per una strana coincidenza sono concisi in due annate in cui il Bari ha conquistato la promozione nella massima divisione. Infine, ad arbitrare la gara di sabato che si disputerà allo stadio San Nicola alle ore 16.15 sarà il fischietto Matteo Gualtieri di Asti, coadiuvato dagli assistenti di linea, Nicolò Pagliardini di Arezzo e Marco D’Ancona, mentre il quarto uomo di gara sarà il lancianese Di Cicco, al Var mente Aureliano e Santoro. Il fischietto di Asti che dirigerà l’incontro ha già arbitrato il Cosenza in questa stagione in Coppa Italia mentre con il Bari sarà la sua prima stagionale perché l’ultimo precedente risale al 20 ottobre 2021, nello specifico nel derby Bari-Foggia terminato 1-1. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 


Pubblicato il 22 Dicembre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio