Estate in Puglia: l’assessore Godelli s’infuria e spara a zero contro tutti
20 Settembre 2012
Oggi come ieri, il pastore abruzzese
21 Settembre 2012

Crotone-Bari: in cerca del fattore che rompa l’equilibrio

Manca un giorno alla trasferta di Crotone e non ci dovrebbero essere grandissime novità o esclusioni eccellenti.Sul piano dell’impostazione di gioco a centrocampo rientrerà lo squalificato Bellomo, la difesa sarà confermata in blocco, con il probabile inserimento di Borghese a corso d’opera.Romizi, Defendi e Galano preferito a Sabelli, andranno a completare il quartetto a metà campo. Confermato il duo Iunco e Caputo, con Albadoro che partirà dal primo minuto come nella partita con la Ternana.Non ci sarà Ghezzal, ieri l’attaccante algerino si è sottoposto ad una visita di controllo al ginocchio destro, per la distorsione procurata durante il primo tempo della scorsa giornata di campionato, per lui si teme un’interessamento dei legamenti ed in tal caso il recupero potrebbe essere lungo.Bisognerà attendere l’evolversi della situazione, per vedere se le sue condizioni miglioreranno in vista della partita ad Andria contro la Pro Vercelli, ma il tutto appare molto improbabile.La società sta provvedendo in base alla capienza dello stadio “Degli Ulivi” a favorire l’accesso ai quasi seimila abbonati, dando loro la priorità.Intanto al “San Nicola” è incominciata mercoledì la terza fase dei lavori per il rifacimento dell’erba di gioco. Nella prima e nella seconda è stato rispettivamente smontato il vecchio terreno ed applicata la sabbiatura.Il tutto terminerà tra la giornata di oggi e quella di domani. La prossima partita in casa il Bari la giocherà il sei ottobre contro il Vicenza, permettendo quindi al manto erboso di essere in condizioni soddisfacenti per l’impegno casalingo. Infatti il Bari dopo la Pro Vercelli, sarà ospite del Verona il ventinove settembre.Il nuovo terreno favorirebbe il gioco della squadra sia nelle spinte laterali, che nel fulcro a centrocampo, dove dai piedi buoni di Romizi e Bellomo parte l’azione offensiva e di dettami dei tempi;In una di queste partite potrebbe trovar spazio Sciaudone. L’ex Taranto appena chiamato in causa ha risposto egregiamente. A chi gli chiede dei goal, il ragazzo ha spiegato che il mister gli sta consigliando un maggior lavoro di copertura, evitando gli inserimenti, cosa utile ai fini della squadra ed al raggiungimento del risultato.Sul fronte Crotone, gli avversari stanno preparando con molta cura il match, sotto gli ordini di Drago, il quale ha fatto disputare nella giornata di mercoledì una partitella di preparazione alla gara con due tempi di mezz’ora ciascuno. In grande spolvero è stato Ciano autore di ben quattro goal. Sono rientrati in gruppo anche i due giovani Maiello e Pettinari, tornati dallo stage con la B Italia.I biancorossi dovranno evitare di ripetere gli stessi errori commessi nella gara di lunedì. Le amnesie difensive possono essere fattori determinati per la perdita di punti, contro squadre all’altezza di questo Bari.Ma in casa pitagorica c’è un cauto ottimismo, i biancorossi sono molto temuti, proprio per la loro vivacità ed al fatto di avere a disposizione una rosa di giovani ambiziosi, oltre per la buonissima partenza in campionato.La squadra avversaria dovrà giocare abbastanza coperta per non rischiare di lasciare ampi spazi di campo, già concessi e visti contro il Grosseto, utili per le azioni offensive dei galletti. E su questo a mio parere Mister Torrente dovrà costruire la partita, gli alti ritmi imposti dal metà campo e dalla fasce possono essere fondamentali e diventare fattori determinanti per sbloccare il risultato.Chi riuscirà ad imporsi su questa zona potrà portarsi a casa la gara.Volendo ipotizzare una formazione pitagorica avremo Concetti in porta, Correia, Vinetot, Abruzzese e Mazotta in difesa, Eramo, Maiello e Galardo a centrocampo, Gabionetta, Torromino e Calil. Potrebbe essere schierato visto la sua prova convincente in allenamento il napoletano Ciano o quanto meno entrare per dare incisività alla manovra offensiva.Il Crotone deve essere preso con le pinze in casa è imbattuto dal trentuno gennaio di quest’anno e la piazza ed il presidente vogliono lottare per grandi traguardi come la zona playoff.Da un certo punto di vista il cammino di Bari e Crotone si equivale, sia come spirito che come punti conquistati.La partita sarà molto più equilibrata di altre, da un certo punto di vista più difficile dell’impegno di Varese, dove il Bari non aveva nulla da perdere, ma tutto da guadagnare, facendo restare assopiti tutti i sintomi di presunzione e pancia piena. I biancorossi devono restare ben saldi a terra, concentrati, rabbiosi e vogliosi di far bene. Quello di sabato sarà un’altro test da non sottovalutare sotto alcun aspetto, in un momento dove sono venuti fuori forse i primi limiti di questa rosa; parlo della difesa non troppo lucida in certe occasioni, con un Polenta che continua a non convincermi al cento per cento. Spero e vorrei essere smentito, ma Torrente dovrebbe concedere un turno di stop utile per far rifiatare il ragazzo, visto che le alternative non mancano.

Davide Annicchiarico

 819 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *