Cultura e Spettacoli

Danzatrici en plein air, alle origini del gesto

Dal 24 giugno al 10 luglio a Ruvo di Puglia torna Le Danzatrici en plein air, il Festival di danza contemporanea organizzato dalla Compagnia Menhir sotto la direzione artistica del coreografo Giulio De Leo e con il sostegno di Comune di Ruvo di Puglia, Teatro Pubblico Pugliese, Regione Puglia – Assessorato all’Industria turistica e culturale, gestione e valorizzazione dei beni culturali e Ministero della Cultura. Prende corpo così la seconda edizione di un progetto che si ispira al celebre affresco tombale “Le danzatrici di Ruvo di Puglia” e che immagina di rimetterne in vita le protagoniste permettendo loro di danzare libere negli spazi urbani; di vivere la danza come fusione tra città, corpo, cultura, umanità, come ricerca di sé e della memoria collettiva grazie al movimento che crea relazione con i luoghi e con le persone. A partire da questa suggestione, il festival intende aprire una riflessione sul tema dell’archeologia della danza: una vera e propria indagine antropologica sull’origine del gesto, sulle stratificazioni e sedimentazioni di memorie, sui retaggi culturali e le esperienze che modellano la dimensione personale o collettiva.  Le danzatrici en plein air porta in scena, in Puglia, l’eccellenza di grandi artisti e compagnie di danza nazionali e internazionali, ma non solo: all’interno del Festival prendono forma lavori di ricerca frutto di residenze artistiche e performance coreografiche realizzate insieme alle comunità. Il tutto, secondo una chiave di lettura che guarda alla valorizzazione dei talenti emergenti, a cui sono dedicate le sezioni Scavi, fucina di produzione di artisti under35, Mitologie, che accoglie nel festival produzioni già attive e Giacimenti, che accoglie gli autori selezionati nei progetti di alta formazione partner di GIACIMENTI, rete italiana per l’emersione dei giovani talenti coordinata da Menhir/LE DANZATRICI en plein air in partnership con Conformazioni Festival di Palermo, HangartFest di Pesaro, Progetto Da.Re. Dance Research di Roma, Modem Pro/CZD/Scenario Pubblico di Catania, Alta Formazione/ Compagnia Arearea di Udine. Ogni giornata del ricco calendario del festival eventi collaterali secondo il format dei “Dialoghi del Giovedì” – approfondimenti in compagnia di esperti sui temi del patrimonio archeologico, dell’accessibilità agli spazi della cultura e della danza in relazione all’evoluzione culturale di un territorio – e laboratori del festival, pratiche coreografiche e percorsi a carattere intensivo realizzati con alcune comunità del territorio, tra cui gruppi scuola, persone over 65 e cittadini in genere. Inoltre, l’Osservatorio Critico dei Giovani, a cura di Stefania di Paolo, curatrice culturale e fondatrice della piattaforma digitale TalkwithDance, attiva nella promozione della danza contemporanea in Italia. E poi, ancora, tantissimi i momenti di danza realizzati con le comunità del territorio e all’interno degli spazi della città che torneranno a vivere e a danzare. Ci sarà un prologo che si terrà il 24 giugno a partire dalle ore 10 nella Sala conferenze Museo del libro – Casa della Cultura di Ruvo di Puglia con Miss Lala al Circo Fernando (Compagnia Zebra, ideazione e regia Chiara Frigo con Marigia Maggipinto) e il 25 giugno con Giardini Famigliari (Compagnia Menhir, Coreografia Giulio De Leo assistenza alla coreografia Erika Guastamacchia), unico evento che si svolgerà fuori da Ruvo di Puglia e che sarà ospitato nel Chiostro dell’ex Convento di Santa Chiara, a Bari, grazie alla collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Bari, nell’ambito del piano di valorizzazione. “Il festival non è una mera programmazione di spettacoli realizzarlo – è il commento di Giulio De Leo, direttore artistico del Festival – ma un processo complesso che muove artisti di rilievo nazionale e internazionale, comunità scolastiche e associative, spazi museali e urbani della nostra città, riflessioni e gesti. Gesti portatori di pace, dialogo e inclusione”. “La danza è uno dei settori che noi come Teatro Pubblico Pugliese promuoviamo e sosteniamo”, spiega il presidente del Teatro Pubblico Pugliese, Giuseppe D’Urso. “Dopo la straordinaria edizione zero del 2021, il festival si conquista uno spazio importante nella programmazione artistica e culturale che il nostro Comune sostiene, perché ne incarna valori e obiettivi fondamentali per una città d’arte come la nostra, conclude Monica Filograno, Assessora alle Politiche di Comunità del Comune di Ruvo di Puglia.

 

 

 


Pubblicato il 23 Giugno 2022

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio