Cronaca

Diciassette richieste di aiuto a meno di un mese dall’avvio del servizio

A 28 giorni dall’avvio dello spazio d’ascolto e orientamento legale rivolto alle vittime di revenge porn e sexting, sono 17 le richieste di supporto pervenute agli operatori del nuovo servizio, frutto dell’accordo siglato tra l’assessorato comunale al Welfare e l’associazione “Gens Nova” O.d.v..

Nel dettaglio, a contattare gli operatori dall’avvio dello sportello gratuito sono stati 3 uomini e 14 donne, tra cui 4 docenti che hanno segnalato casi relativi ad altrettante studentesse, 2 mamme preoccupate per la circolazione di immagini dei propri figli, 7 donne adulte che hanno denunciato episodi di revenge porn e stalking e 1 che ha denunciato il furto di immagini pubblicate sui social.

Quanto agli uomini, 2 hanno richiesto una semplice consulenza sui comportamenti da adottare dopo la separazione con immagini delle ex partner in loro possesso, mentre l’altro ha chiesto consigli in merito a un ipotetico caso di diffamazione via social. “In meno di un mese di attività lo sportello ha già registrato 17 richieste, una tendenza in crescita negli ultimi giorni – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico – a riprova del fatto che sexting e revenge porn sono fenomeni estremamente diffusi che attraversano la nostra quotidianità di adulti e adolescenti, molto più di quanto si possa immaginare, con effetti decisamente rilevanti sul benessere psicologico delle vittime. In alcuni casi si tratta di episodi che vanno ben oltre e si trasformano addirittura in stalking, diffamazione o violenza. L’equipe del progetto, composta da avvocati e psicologi dell’associazione Gens Nova in rete con l’assessorato, è al lavoro per individuare, per ciascun caso, le azioni più efficaci da intraprendere a tutela delle vittime, con il supporto della Polizia postale e dei servizi territoriali. L’impegno dell’assessorato al Welfare prosegue affinché questo nuovo spazio venga supportato anche da percorsi di formazione, sensibilizzazione e prevenzione da realizzare in favore degli adolescenti, degli adulti, degli insegnanti e dei genitori e in collaborazione con le altre realtà della rete del welfare impegnate sugli stessi temi, in modo che chiunque possa trovare un supporto qualificato nell’affrontare le conseguenze di un reato i cui numeri, purtroppo, sono cresciuti sensibilmente durante questi mesi di emergenza sanitaria”. “Sono molto soddisfatto perché, a dire il vero, non immaginavo che in così poco tempo avremmo ricevuto così tante richieste d’aiuto, vista anche la delicatezza degli argomenti trattati – dichiara Antonio La Scala, presidente dell’associazione Gens Nova -. Sono rimasto piacevolmente stupito anche perché spesso, in circostanze come queste, è più semplice rivolgersi alle Forze dell’ordine. Perciò penso sia una conferma importante della validità dello sportello di ascolto e del bisogno, ancora troppo inespresso, di un supporto da parte delle vittime di fenomeni così sgradevoli e insopportabili”.

Si ricorda che lo spazio d’ascolto e di orientamento legale rivolto alle vittime di revenge porn e sexting è attivo presso la sede dell’associazione Gens Nova (via Davanzati 25) ed è disponibile un numero telefonico (340 5600875) – raggiungibile tutti i giorni, anche festivi, dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 16 alle 20 – al quale un volontario fornisce risposte immediate o fissa un incontro tra la vittima e un avvocato e uno psicologo.

Lo sportello, che garantisce supporto qualificato gratuito nell’attività di cancellazione dei video o delle immagini diffuse senza autorizzazione delle vittime, svolgerà una costante attività di informazione negli istituti scolastici baresi di ogni ordine e grado, nonché in favore delle famiglie interessate, e sarà a disposizione degli operatori sociali per una formazione specifica sul tema. Lo sportello, che in base al protocollo siglato sarà attivo per due anni, è accessibile a tutti e tutte.


Pubblicato il 4 Marzo 2021

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio