Mangia: “Serve equilibrio e mantenere i nervi saldi per novanta minuti”
9 Settembre 2014
Orsina, simpatia e ambientalismo
10 Settembre 2014

Donati: “Contro il Perugia abbiamo sprecato tanto, ma reagiremo da sabato”

Ieri sera è giunta la notizia del verdetto del Giudice Sportivo, in cui il capitano del Bari, Ciccio Caputo dovrà saltare i prossimi tre turni, per aver, secondo il referto del Quarto ufficiale, colpito violentemente con una gomitata un giocatore della squadra avversaria. In realtà, già domenica sera il capitano del Bari, da sempre distintosi per correttezza e fair play nei confronti degli avversari nella sua carriera, si era scusato con Goldaniga e giurato di non aver colpito intenzionalmente l’avversario. Se da una parte è vero che la Bari targata Devis Mangia, sta riportando troppi cartellini, cinque per l’esattezza, in cinque partite ufficiali, di cui tre di Coppa Italia e due di campionato, nel caso incriminato riguardante Ciccio Caputo, la stangata di tre turni risulta eccessiva poiché basta riguardare l’episodio alla moviola e si evince chiaramente come l’attaccante stesse proteggendo la palla ed ingenuamente e di istinto, abbia alzato i gomiti senza guardare minimamente chi si trovasse dietro. Squalifica solo di una giornata invece, per Marino Defendi, espulso per doppia ammonizione, sempre nella ripresa. Inoltre, è arrivata anche un’ammenda di 5mila euro per la società Fc Bari, perché dei suoi sostenitori, a cinque minuti dal termine della gara, hanno indirizzato in modo ripetuto i laser sul volto dell’arbitro.

Massimo Donati, ieri messo a disposizione per la carta stampata è tornato a parlare della sconfitta rimediata contro gli umbri: “Abbiamo perso contro una buona squadra ed attrezzata per arrivare in fondo. In ogni caso, non troviamo scusanti, perché siamo consapevoli di aver sprecato numerose chance per portarci in vantaggio e di pareggiare anche in inferiorità numerica. E’ mancato l’ultimo passaggio ed in più, abbiamo perso la calma, pur ammettendo che l’espulsione a Ciccio forse è stata eccessiva. Con il mister abbiamo già parlato e troveremo il rimedio per non cadere ancora in provocazioni che alla lunga, ti fanno perdere la partita a causa di episodi spiacevoli”. A causa degli squalificati, Caputo e Defendi, la diga biancorossa non crede che ci siano i presupposti per cambiare tattica: “Il modulo ed il nostro schieramento lo decide esclusivamente il tecnico. A noi spetta dare sempre tutto quando scendiamo in campo. I moduli contano fino a un certo punto, perché è l’approccio con il quale scendi che fa la differenza. Se un domani dovessi diventare allenatore anche io mi affiderei ad un modulo e delle idee e farei di tutto per portarle avanti”. Infine, il centrocampista ex Verona, con tanta esperienza ha concluso: “Con il Frosinone vedrete un’altra partita. Tengo a precisare che non bisogna abbattersi per una sconfitta o esaltarsi dopo una vittoria, ma occorre restare sempre concentrati e sul pezzo. Se poi, resteremo più corti, miglioreremo nell’atteggiamento questa squadra può arrivare lontano. Non temiamo nessuno e speriamo di avere anche nelle prossime gare i tifosi numerosi, sempre al nostro fianco”. Presenti all’allenamento del Bari in mattinata, una selezione di allenatori albanesi insieme a Mimmo Ranieri, presidente dell’AIAC Puglia, i quali al termine della seduta effettuata dai giocatori biancorossi, sono stati a lezione e colloquio dall’allenatore della Fc Bari 1908, Devis Mangia.

Marco Iusco 

 

 614 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *