Imminente il trasferimento dell’ex Mercato del Pesce e del Margherita al patrimonio comunale
15 Maggio 2021
Leonardo Candellone: “L’astinenza al gol? Magari mi sblocco in queste gare”
15 Maggio 2021

E’ boom di vaccinazioni in Puglia: un milione e ottocentomila cittadini hanno ottenuto almeno la prima dose

 

E’ boom di vaccinazioni in Puglia. Infatti, secondo gli ultimi dati aggiornati a ieri pomeriggio le dosi di vaccino anti Covid somministrate sarebbero poco meno di un milione ed ottocento mila a fronte di una popolazione complessiva di circa quattro milioni di pugliesi, tra i quali ci sono i minori tra o e 18 anni di età. In particolare, in Puglia, le percentuali di persone finora vaccinate per fasce di età sono: il 91,5% degli agli over 80 anni già con una sola dose, a fronte di un dato medio nazionale del 89,3%; per quelli sempre con una sola dose, ma di età compresa tra i 70 ed i 79 anni la cifra dei vaccinati scende all’84%, a fronte di un dato medio nazionale del 75,9% per la stessa fascia di età. Mentre per la fascia comprendente i pugliesi tra 60-69 anni il dato attuale è al 60% di vaccinati già con una sola dose, a fronte del 54,1% di media nazionale. Pertanto nella nostra regione ultimamente c’è stato un vero e proprio boom di vaccinazioni tra quelli delle fasce più a rischio contagio, che – come è noto – sono i pazienti fragili e gli anziani. Quindi, ha dichiarato l’assessore regionale alla Sanità, Pierluigi Lopalco, “In Puglia la campagna vaccinale procede a un ritmo elevato, con oltre il 90 per cento delle dosi somministrate rispetto a quelle consegnate”, evidenziando che si stanno “mettendo in sicurezza i target prioritari per fragilità ed età” e, come evidenziano i dati innanzi riportati, l’andamento è “sopra la media nazional”. “La maggior parte dei pugliesi estremamente vulnerabili – ha affermato inoltre Lopalco – sono stati raggiunti” anche se “da un’analisi aggiornata ad oggi ci sono 19mila persone di questa fascia prioritaria che non risultano ancora vaccinate”. E le ragioni di tale “defaillance”, secondo l’assessore Lopalco, “possono essere diverse” perchè “come è noto le persone più fragili devono ricevere il vaccino o dal loro medico di medicina generale o dal centro specialistico di cura”. Ma adesso l’obiettivo della Regione, per Lopalco, “è raggiungerle una per una telefonicamente attraverso una ricerca attiva da parte delle Asl e mettere nelle condizioni chi lo desidera di avere subito il vaccino”. E, ha aggiunto il responsabile della Sanità pugliese, “come da indicazioni del commissario Figliuolo, parallelamente alla vaccinazioni per fasce di età, sarà facilitata la vaccinazione della cosiddetta ‘categoria 4’ del piano vaccini, ovvero le persone di età inferiore ai 60 anni con comorbidità senza quelle particolari connotazioni di gravità riportata per i soggetti estremamente vulnerabili”. Però, a prendersi merito dei risultati raggiunti ultimamente in Puglia con le vaccinazioni c’è anche l’opposizione di centrodestra che con una nota del Gruppo dei consiglieri di Forza Italia (Stefano Lacatena, Giandiego Gatta e Paride Mazzotta) ha dichiarato: “Se la Puglia è tra le prime tre Regioni d’Italia per numero di somministrazioni di vaccino, è anche merito del pressing e dell’azione di pungolo che abbiamo esercitato noi consiglieri di opposizione, portando a casa un risultato importantissimo per la collettività pugliese”. Infatti, hanno spiegato gli esponenti del partito di Silvio Berlusconi alla Regione Puglia : “Se non avessimo fatto barricate, richiamando la Giunta regionale per un immediato cambio di passo, non saremmo arrivati ad offrire ai pugliesi un’organizzazione seria ed efficiente della campagna vaccinale”, ricordando che “quest’ultima, infatti, è stata affidata al dottor Lerario, direttore della Protezione Civile, a seguito delle nostre ripetute denunce politiche di errori e ritardi da parte dell’assessore alla Salute”. “Perciò, – hanno concluso i tre consiglieri di Fi – possiamo accogliere con gioia questo importante traguardo, ma la battaglia per la Puglia continua”, perchè adesso che la Regione riesce a somministrare un numero elevatissimo di dosi, dobbiamo premere tutti insieme affinché arrivino molte più dosi di vaccini per immunizzare a tappeto la popolazione”. Un rilievo più puntuale da parte dell’opposizione di centrodestra è giunto dal Capogruppo regionale del partito di Giorgia Meloni, “Fratelli d’Italia”, ossia Ignazio Zullo che, essendo un medico e, quindi, forte della sua competenza professionale, ha osservato: “Una campagna vaccinale di massa può fondarsi sulle priorità in fase iniziale, ma poi occorre raggiungere l’immunità di gregge in breve tempo altrimenti ci si sottopone al rischio delle varianti, che ad oggi sono sotto controllo ma non si sa fino a quando”. Quindi, ha proseguito Zullo: “bene aver iniziato con le priorità, ma ora occorre non negare il vaccino a nessuno perché, trattandosi di un presidio di prevenzione individuale, assume funzione di prevenzione collettiva quando è stato vaccinato almeno il 70-75% della popolazione”. Perciò, ha affermato il Capogruppo di Fdi, “se per procedere per categorie prioritarie, in presenza di vaccini e di forza lavoro vaccinale, mandiamo indietro quelli che si presentano agli hub pur non essendo appartenenti a categorie prioritarie, non solo non potremo stare al passo con gli obiettivi quantitativi di somministrazione giornaliera di vaccini ma -e questo è davvero dannoso – ritarderemo il raggiungimento dell’immunità di gregge e ciò consentirebbe al virus di circolare e di mutare”. E questo, per Zullo, “sarebbe un rischio che non possiamo e non dobbiamo correre”, ricordando all’uopo che “il motto dei maestri di igiene e sanità pubblica è: un vaccino non si nega a nessuno”. Perciò, ora, la speranza dei consiglieri di Fdi alla Regione è “che qualcuno lo capisca e si occupi solo di far arrivare i vaccini” il prima possibile ed in quantità sufficienti al fabbisogno. Ma questa è sicuramente anche l’auspicio di tutti i pugliesi che non sono stati ancora vaccinati o che non hanno ancora completato la profilassi sanitaria con l’inoculazione della seconda dose.

 

Giuseppe Palella

 329 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *