Respinto il ricorso della Poli Bortone al Tar per la scheda, l’.allarme di Melchiorre (Fdi) per i “voti comprati”
19 Maggio 2015
Si pensa a Syam Ben Youssef, l’erede di Diego Polenta
20 Maggio 2015

E ora Vendola mette sotto osservazione chi ha esaminato i dirigenti

<>, ha messo in fila, parola per parola, Nichi Vendola in una nota datata 15 maggio, firmata di suo pugno e indirizzata ad organizzazioni sindacali e direttore d’area Domenica Gattulli. L’invito a meno di due settimane dal voto del gran capo della giunta pugliese a discutere su questo benedetto OIV è esteso anche alla vicepresidente Barbanente, alla quale toccherà sostituire un assessore al Personale ormai inesistente da tempo, pur trattandosi di tema di sua competenza. Un tema che sui siti ufficiali e non dell’Ente da un po’ di tempo ha scatenato interventi cinguettii più disparati, dove si parla sempre più spesso di meriti e demeriti di questo Organismo Indipendente di Valutazione. Un confronto che ha coinvolto parecchio i dirigenti anche se, sui centocinquantanove che sono, solo una cinquantina risultano iscritti ai sindacati. E di questi la metà a quello autonomo che direttamente li rappresenta (Direr) e il restante alla “Triplice” che si divide sette-otto iscritti a testa. Evidentemente i nostri dirigenti, di cui buona parte figli di quelle due giunte capeggiate da Vendola negli ultimi dieci anni, evidentemente trovano più ‘succoso’ intrattenere rapporti con i rappresentanti nelle varie direzioni d’area, piuttosto che iscriversi ai sindacati. Ma torniamo subito all’OIV e ai problemi scatenati dall’erogazione del risultato 2013 con ampio ‘web/forum’ che, ripetiamo, ha visto alcuni dirigenti sperticarsi in complimenti ai componenti dell’organismo finito a sua volta sotto esame. Componenti tra i quali figura un certo professor Angiola che faceva parte (già componente del primo nucleo di valutazione) delle commissioni di esame del concorso per dirigenti –guarda caso…- nel 2009. Un caso di presunta incompatibilità richiamato a grandi lettere in una interrogazione rimasta senza risposta e presentata poche settimane fa dall’ex assessore Nino Marmo, riguardante sempre l’organismo che valuta l’alta burocrazia regionale. Ma nessuno tra critici e favorevoli al trio valutativo ha ancora detto che i tre docenti/esperti, pur non dispensando soltanto pagelle ai burocrati come dicono loro stessi, non hanno mai redatto le relazioni previste a beneficio della Giunta Regionale. Relazioni sulla situazione organizzativa dell’Ente, compresi ‘governance’ e ‘Audit’ professionale della dirigenza che mancheranno agli atti della Barbanebte all’importante appuntamento che si terrà venerdì 22 negli uffici di via Gentile. Insomma, agli atti manca uno degli atti prodromici più importanti nel percorso valutativo della dirigenza pugliese: da queste relazioni mai svolte avrebbe dovuto emergere il quadro di partenza per arrivare alle valutazioni finali, dando i giusti suggerimenti all’Esecutivo Regionale sulla riorganizzazione della burocrazia interna. Anche questo l’interrogante Marmo l’aveva messo in evidenza, ma senza mai ottenere risposta, come detto. Ora, entrando più a fondo nei dettagli delle critiche piovute sull’Organismo di Valutazione, una censura riguarda le modalità di redazione delle famose pagelle, per cui, ad esempio, se taglio lineare del 20 per cento delle valutazioni c’è stato, il risultato è stato che, comunque, i dirigenti “eccezionali”, per intenderci con una valutazione da 86 a 89 centesimi, sono stati trentaquattro anziché i ventidue dell’anno 2012. Vale a dire un aumento secco del 50 per cento dei bravi, dei bravissimi e degli ‘amici’ che vedranno riconoscersi bonus economici superiori (dal 30 al 50 per cento) rispetto al valore di partenza. Insomma, i 60 euro diventeranno 90 euro in più a punto per i dirigenti di ufficio e 90 diventeranno 125 per i gran capi di servizio, sempre a punto in più di valutazione-premio ricevuto. Sarà per questo che sul forum diversi dirigenti delle ultime generazioni si sono espressi con altissimi e quasi sperticati riconoscimenti per la ‘professionalità e il rigore intellettuale’ dei componenti dell’Organismo Indipendente di Valutazione. Per finire, invece, sarà curioso vedere cosa ne pensa e come le valuta queste procedure, esiti e valutazioni la vicepresidente della giunta regionale, prof.ssa Angela Barbanente…

 

Francesco De Martino    

 276 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *