Il ponte dei forzati
24 Ottobre 2020
Entrano in funzione i varchi della port facility
24 Ottobre 2020

“Eleven Sports? Follia e mancanza di rispetto totale verso gli impegni

Undici punti dopo sei giornate di campionato, con una partita in meno disputata è il bottino del Bari appaiato in classifica con il Teramo , all’inseguimento della Ternana, distante solo di una lunghezza. Tuttavia, ieri è il presidente biancorosso Luigi De Laurentiis è stato ospite telefonico di RadioBari dove ha potuto tracciare il punto in casa Bari e toccare tante tematiche, dai rimborsi degli abbonamenti, alla riapertura parziale del San Nicola, le preoccupazioni per quanto stiamo vivnendo, e raccontato anche del suo rapporto con il tecnico. Il numero uno ha esordito ponendo l’accento sul drammatico momento che attraversa l’Italia ed il mondo causa Covid: “Stiamo attraversando un momento di incertezza totale, continuativo e di grande sconforto. Lo sto vivendo come tutti, non è facile. Ogni settimana vengo a Bari cercando di stare molto atento, ma cerco comunque di vivere Bari ed il Bari, il più possibile. C’è grande responsabilità da parte di squadra e staff, si stanno impegnando nel rispetto di tutte le misure sanitarie e protocolli, ma non è facile e spesso ciò non basta, lo sappiamo, basti guardare ai casi di positività di grandi campioni dello sport. Speriamo per il meglio, ma è sconfortante l’incertezza di quello che ci aspetta”. Lunedì sera al San Nicola sarà il ventottoesimo confronto tra Bari e Catania, i precedenti sono leggermente in favore dei pugliesi i quali hanno conseguito undici vittorie, per dieci volte hanno pareggiato per sei hanno perso. La scorsa stagione causa Covid si disputò solo la gara di andata in Sicilia, mentre l’ultimo confronto in casa risale al 3 marzo 2015 con la partita che terminò 1-1, con reti di De Luca e Rossetti per il Catania che tra le proprie fila annoverava ex illustri: Gillet in porta ed a centrocampo Sciaudone e Rosina. Ma lunedì sera sarà il rientro, seppur parziale per i tifosi allo stadio, ed il numero uno ha detto:“Conro il Catania    torneranno i tifosi allo stadio, sebbene in misura assai ridotta. Abbiamo preso con grande responsabilità ogni singola scelta: dalle modalità di accesso allo stadio alla scelta dei posti da mettere a disposizione. Ci siamo confrontati anche con il sindaco Antonio Decaro, nell’ottica di rispetto totale di tutte le misure idonee da adottare. Lo stadio deve dare un esempio, anche visivamente e di percezione per chi lo vive. Sarebbe un vanto avere allo stadio comportamenti responsabili ed intelligenti”. Sulla riapertura, ma in particolare sulle operazioni di rimborso per i tifosi che lo richiederanno il patron ha risposto con molta cordialità e schiettezza che lo ha sempre contraddistinto: “Quando pensiamo alle operazioni da mettere in atto è sempre nell’ottica del rispetto dei tifosi, cercando di lavorare al meglio ogni giorno per ottenere il miglior risultato. Sono consapevole che qualsiasi offerta o idea avessimo adottato per la riapertura dello stadio, avrebbe innescato polemiche da una parte e sostegno dall’altra. Le nostre decisioni sono ragionate; cercheremo di capire e terremo sempre presente sempre il sentiment dei nostri tifosi. Anche per il prezzo dei biglietti abbiamo fatto una analisi su realtà “inferiori”, per bacino d’utenza o strutture; riaprire un impianto come il San Nicola, e farlo nella massima sicurezza, non è semplice, ancor di più in un momento come questo”. Tuttavia il numero uno della società sull’argomento rimborsi ci ha tenuto a voler rignraziare molti tifosi: “In tanti hanno espresso la loro decisione di rinunciare al voucher, pubblicamente o tramite messaggi privati. È il segno tangibile di un tifo vicino alla Società, è bellissimo, è pura energia per me; tutto questo dà tanta motivazione, per investire, stare vicino alla squadra e cercare di riportare Bari nei massimi sistemi. Non mi aspetto nulla, se non lavorare a testa bassa per riportare in alto la squadra”. Inevitabile toccare il tasto dolente della piattaforma Eleven Sports, un continuo disastro ed infatti il presidente senza mezzi termini ha detto la sua: “È difficile stare in silenzio, è una vergogna. in un momento tanto difficile, il canale televisivo è l’unico modo che il tifoso ha per vedere le partite, di stare vicino alla propria squadra e gioire con essa. In questo la Lega è stata fallimentare, come lo è stata Eleven Sports; follia e mancanza di rispetto totale verso impegni importantissimi. Senza contare che tutto questo va a minare i rapporti costruiti con tanta difficoltà da ogni società con i propri sponsor. È un danno di immagine, per tutta la Lega Pro; non è facile trovare le parole. Da settimane stiamo lavorando in parallelo a soluzioni alternative; speriamo di chiudere a breve”. Sul rapporto con il tecnico sempre più di empatia ma anche con il direttore sportivo parole al miele: “Vedo un laboratorio continuo, in crescita. Con il Monopoli una gara difficile, contro un avversario organizzato ed aggressivo. Abbiamo pagato lo stato di forma non ancora ottimale di alcuni elementi; molti giocatori sono arrivati last minute e hanno bisogno di un po’ di tempo per entrare in condizione. Le aspettative sono sempre altissime e ci si aspetta che tutto vada subito al meglio, ma c’è bisogno di qualche giornata perchè questo avvenga. Nonostante tutto siamo partiti forte, i punti ci sono, e mi auguro si possa costruire una continuità e realizzare un potenziale importante come il nostro di cui abbiamo visto solo una parte. Ogni singolo componente, a partire dal DS  Romairone, sta dando un contributo importante e questo mi rende felice. Con il Mister c’è intesa; c’è entusiasmo, semplicità e soprattutto molti fatti. Ci siamo trovati subito, sin dal ritiro; davvero un buon rapporto”. Il numero uno della società ha concluso con un suo pensiero sulla siatuazione allarmante esprimendo tutte le sue preoccupazioni senza filtri: “Ho una paura enorme per una eventuale sospensione dei campionati, ma soprattutto di una nuova sospensione della vita in generale; i numeri sono deprimenti. Bisogna davvero fare attenzione, serve responsabilità. Speriamo di venirne fuori da questa situazione al più presto. Posso solo chiedere di stare attenti e di essere responsabili”. (Ph. di Tess Lapedota)

Marco Iusco

 

 319 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *