Sport

“Esprimere dissenso è un diritto fondamentale, ma non ho offeso nessuno”

Caos Bari, il presidente LDL risponde dopo l’episodio spiacevole di sabato pomeriggio

Alla quinta partita mister Pasquale Marino è capitolato sotto un Venezia che ha messo a segno ben tre reti, una nel primo e le altre due dal novantesimo sino al triplice fischio. Decisivo è stato anche il portiere del Bari, Brenno nel non far naufragare i pugliesi sotto altri gol. Un Bari però che è rimasto in partita disputando un buon primo tempo, ma nella ripresa ha perso spesso gli sconti con i suoi avversari, arrivando tardi sulle seconde palle e perdendo quella intensità che si era assistita nelle precedenti partite sotto la nuova gestione. E’ così giunto il primo Ko per il tecnico Marino e secondo complessivo, con una squadra il Venezia che ha dato l’impressione di essere di un’altra categoria anche se mister Vanoli nel post-gara ha fatto i complimenti ai pugliesi con le solite frasi di rito, ma dettate dal contesto e dalla vittoria dei suoi. I Galletti restano ancora fuori al momento dalla zona playoff che dista di quattro punti ed occupato dal Cittadella all’ottavo posto. Intanto, verso il termine della partita c’è stata tensione sugli spalti della tribuna ovest perché alcuni tifosi hanno gridato “vergogna” al presidenre che ha risposto con un tono molto piccato, con accanto il sindaco Antonio Decaro ed il diesse Ciro Polito. La reazione del pres. è diventata virale, ed il presidente Luigi De Laurentiis nella giornata di ieri ha fatto uscire un post con una storia Instagram: “Al fischio finale di Bari-Venezia, in tribuna, c’è stato un confronto animato con alcuni tifosi comprensibilmente delusi dal risultato. Esprimere dissenso penso sia un diritto fondamentale per tutti, sempre nel rispetto per il lavoro, la professionalità, le persone. Sebbene si trattasse di un momento emotivamente intenso per tutti, smentisco categoricamente di aver pronunciato espressioni o frasi offensive nei confronti di chiunque. Non è e non è mai stato il mio modo di affrontare confronti, critiche e discussioni”. Insomma, il pres. ha ribadito che il “Vaffa” non c’è stato. Azzerare tutto sarà impossibile, ma conquistare applausi ad una piazza da sempre riconoscente degli sforzi compiuti, sino a prima di questa stagione dalla proprietà attuale, quello c’è sempre stato e se sul campo i ragazzi di Marino cambieranno registro provando a raccogliere il massimo palle prossime restanti cinque partite prima della sosta, sarà fondamentale. Di fatto sta che dall’ultima partita sono usciti tra infortuni, Pucino (in barella si teme infortunio grave, ndr) e Diaw ancora prima di giocare non è sceso in campo a causa di problemi alla schiena. (Ph. Tess Lapedota).

M.I.

 


Pubblicato il 28 Novembre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio