Genchi: “Scalpito di giocare con questo gruppo coeso e che ci crede”
21 Luglio 2021
In Vallisa le proiezioni dei cortometraggi “In Luce Stories”
22 Luglio 2021

Falconeria, capriccio da sangue blu

Fra le rovine della città di Khorsabad, in Mesopotamia, è stato trovato un bassorilievo raffigurante un falconiere. Risale al regno del Re Assiro Sargon, vissuto intorno al 750 avanti Cristo. La falconeria ha origini remote, soprattutto nobili. A concedersi questo svago non potevano essere che persone facoltose. In sé, la falconeria non è modo di cacciare produttivo : il rapace addestrato ha costi altissimi, per natura preda non più di un paio di volte al giorno, può non fare ritorno a chi lo abbia ‘lanciato’… La pratica venatoria con l’uso dei rapaci richiede ancora oggi tempo, passione e competenze elevate. Chi anticamente voleva lucrare con i volatili preferiva la pratica – oggi vietata – dell’uccellagione, ovvero il ricorso a dispositivi di cattura fissi, come reti e trappole a scatto, con o senza l’impiego di esche. La falconeria ha annoverato tra i suoi appassionati tre grandi teste coronate : Carlo Magno, Enrico I di Germania e Federico II. La vita del Puer Apuliae era pressoché frenetica : campagne militari, incontri politici, udienze, cenacoli, banchetti, esercizio delle buone lettere… Appena libero, Federico faceva sellare il suo cavallo e via, a caccia. Dove trovò il tempo per affrontare e con tanta dovizia di particolari i numerosi argomenti contenuti nel suo ‘De arte venandi cum avibus’? E’ certo che attinse, tra i tanti, da due trattati : il ‘De arte bersandi’ di Guicennas e il ‘De scientia venandi per aves’ di Teodoro di Antiochia. Il primo trattato, che verte sulla caccia con armi da lancio, arco e balestra, reca la firma di un cavaliere tedesco che, in qualità di falconiere e ‘maestro di caccia’, fu al servizio di Federico. Il ‘De scientia venandi per aves’ è la versione latina – redatta da Teodoro di Antiochia, personaggio della corte di Federico, dietro incarico dello stesso Imperatore – di un trattato arabo sulla falconeria, il Kitāb al-mutawakkilī, opera di un certo Moamin (o Moamyn). In conclusione, Federico non potette andare oltre il raccogliere qua e là cose che in un secondo momento  integrò con conoscenze personali coordinandole in un insieme sistematico. ‘De arte venandi cum avibus’, è lavoro enciclopedico dalle dimensioni imponenti. Se ne conservano due volumi nella  Biblioteca Vaticana. L’edizione, redatta da Enzo, figlio naturale dell’Imperatore, durante la sua prigionia a Bologna e conservata nella Biblioteca Universitaria di quella città si compone di sei libri (il Libro I classifica gli uccelli, parla di migrazioni e caratteristiche morfologiche ; il Libro II descrive come si catturano e si preparano i falchi all’addestramento ; il Libro III contiene la descrizione dell’addestramento dei falchi e dei cani da caccia ; il Libro IV è dedicato alle modalità della caccia alla gru con il girfalco ; nel Libro V si parla dell’addestramento del falco sacro alla caccia all’airone ; il Libro VI tratta della caccia con il falco pellegrino agli uccelli acquatici).  E non è detto che questa edizione sia quella completa. – Nell’immagine, scena di idillio e falconeria di ambiente normanno- svevo : Bianca Lancia e Federico II ; Codex Manesse (copia 1304).

Italo Interesse

 

 

 174 total views,  2 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *