Un bilancio con molte luci e anche qualche ombra
12 Febbraio 2019
Emiliano candidato alle Europee? Se “garantito” dai prossimi vertici del Pd…
12 Febbraio 2019

Federalberghi all’attacco per evitare le ‘alcove clandestine’ troppo diffuse in città

Stupore, sbigottimento e incredulità le prime e maggiori reazioni dei baresi dopo che il programma tv Mediaset “Le Iene” l’altro ieri ha denunciato a Bari un nuovo caso di sfruttamento della prostituzione, questa volta addirittura minorile. Prostituzione e sfruttamento di giovani come avviene in ogni grande città, oramai, che veniva esercitato in un b&b al centro della città di Bari, regolarmente venduto online attraverso Booking.com e altri canali online. In effetti, al di là della denuncia che sta avendo ancora enorme risonanza in Città, si tratta di un grave danno all’immagine cittadina, anzi, una vera e propria pugnalata alle spalle del nostro turismo causato dall’abusivismo ricettivo che la Federalberghi continua a denunciare con costanza e pervicacia negli ultimi anni. «L’abbiamo scritto in tutte le forme – ripete Francesco Caizzi, presidente della Federalberghi Bari-Bat e Puglia – l’abbiamo denunciato in tutti i contesti e continuiamo nella nostra battaglia contro il fenomeno dell’abusivismo che, al netto degli ultimi gravi episodi di cronaca giudiziaria, non fa altro che danneggiare il nostro turismo, alimentare l’evasione fiscale a danno delle casse comunali e statali e mettere a rischio la sicurezza dei cittadini». «Abbiamo da tempo firmato – continua Caizzi – protocolli d’intesa con la Guardia di Finanza e gli altri organi dello Stato mettendo a disposizione tutte le informazioni in nostro possesso affinché possa essere stanato il “nero” e ripristinata la legalità. Abbiamo indicato una linea d’azione intransigente di legalità contro l’abusivismo ricettivo, che investa tempo e risorse a rimettere nelle regole gli illegali di Airbnb (oltre 22mila proposte in Puglia) e reprima con severità gli speculatori di “case pollaio” e di altre truffaldine forme di accoglienza. Il fenomeno del bed&breakfast e/o dell’affitto breve è proliferato in modo indiscriminato, dando luogo a forme di concorrenza sleale, che arrecano danno tanto alle imprese turistiche tradizionali quanto a coloro che gestiscono in modo corretto le nuove forme di accoglienza». «Le nostre proposte per arginare l’abusivismo – conclude il presidente degli albergatori baresi e pugliesi – contemplano, tra l’altro, l’attenzione degli organi di vigilanza su coloro che svolgono attività turistica senza essere muniti delle necessarie autorizzazioni oppure oltre i limiti sanciti dalle stesse. Prevedono controlli su internet, al fine di individuare e stanare gli abusivi che offrono i propri servizi anche ‘on line’, proprio allo scopo di evitare che gli esercizi abusivi offrano un comodo rifugio a chi vuole sfuggire ai controlli delle forze dell’ordine. La realtà ci consegna fatti e situazioni illegali che necessitano sempre più controlli da parte della polizia urbana e delle forze dell’ordine. Non bisogna mollare la presa, nonostante i significativi passi avanti fatti a livello normativo regionale con l’attribuzione del “Codice identificativo di struttura” per le locazioni brevi». E adesso speriamo che almeno a Bari scattino controlli veri e mirati su “bed & breakfast”  e affini, specie quando si trasformano con troppa disinvoltura in alcove dell’amore clandestino, sempre più spesso a danno di minori….

 

Antonio de Luigi

589 Visite totali, 3 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *