Sport

Fischio di inizio per i playout: l’esperienza del Bari contro la freschezza della Ternana

Alle 20.30 si scende in campo con una cornice di pubblico che ha superato il record stagionale

La tanto attesa gara 1 dei playout di Serie B tra Bari e Ternana è finita. Alle 20,30 si scende in campo con una cornice di pubblico che ha superato il record stagionale delle 22.811 presenze, in occasione della I giornata di campionato della presente stagione, contro il Palermo. I tifosi biancorossi non hanno ceduto il passo anche nelle difficoltà, senza far mancare mai il proprio supporto alla squadra, sia in casa che in trasferta. La prospettiva sugli spalti sarà quella di almeno 35.000 tifosi del Bari, disseminati in tutti i settori del San Nicola, per incoraggiare la squadra dinanzi alla sfida di andata che risulta essere la più importante delle due previste, poiché determinerà la gara di ritorno.

DELIBERA DEL GOS – Come già previsto, l’Osservatorio ha mantenuto la linea della coerenza con quanto avvenuto già in campionato nel doppio confronto tra le due compagni. Per il momento è stata vietata ufficialmente la trasferta ai residenti della regione Umbria. Resta evidente come sarà applicato lo stesso metodo di giudizio anche per la gara di ritorno a Terni, vietando di fatto la trasferta ai residenti in Puglia. Ciò nonostante, non si escludono note di colore nei settori ospiti. Sicuramente qualche tifoso della Ternana si affaccerà a Bari, ma molti di più saranno quelli del Bari che giungeranno al Libero Liberati, dal centro-nord Italia. Molti, infatti, sono i supporter biancorossi disseminati per l’Italia e all’estero, appartenenti ai club di riferimento. Tra tutti c’è da ricordare il Club Baresi nelle Marche, sempre presente nelle trasferte del centro-nord.

SPAZIO ALL’ESPERIENZA – In conferenza stampa al San Nicola, ieri, si è presentato Raffaele Maiello. Protagonista della risalita del Bari dalla C alla B, ottenuta direttamente sul campo del Latina nell’ Aprile del 2022, Maiello sente particolarmente il momento della partita che dovrà affrontare. Reduce da un lungo infortunio, che lo ha visto assente per buona parte del campionato, è rientrato a pieno regime solo nell’ultima gara, affiancando, in qualità di doppio play, una delle poche note positive di questa stagione, Ahmad Benali. Maiello, ai microfoni della stampa, ha affermato che la squadra darà la vita per salvare il Bari e che affronteranno questa gara con la stessa voglia della finale dei playoff, contro il Cagliari, della scorsa stagione. Il play biancorosso ha focalizzato la sua attenzione sull’approccio alla partita che non si dovrà sbagliare, evitando di andare in svantaggio e poi giocare per rincorrere. Il numero 17 è sbalordito dalla risposta del pubblico barese ed è per loro che cercheranno di mettercela tutta. Maiello è consapevole del fatto che non esista più tempo e che entrambe le gare, di andata e ritorno, avranno un peso fondamentale nell’esito del risultato finale, ma che sarà vietato sbagliare per i biancorossi. Toccherà proprio a lui e ai suoi compagni che hanno vinto il campionato di C due anni fa, ovvero Capitan Di Cesare, Pucino e Maita, prendere per mano i ragazzi più giovani e condurli verso l’obiettivo della salvezza. Sarà fondamentale anche l’apporto di Gennaro Acampora. Quest’ultimo ha vissuto il trauma della retrocessione in C nella scorsa stagione con il Benevento e chissà che non sia stato proprio lo spettro di rivivere la medesima situazione a trasformarlo in un profilo finalmente interessante in campo. Nelle ultime due gare, contro il Cittadella e contro il Brescia, infatti, Acampora ha dimostrato di essersi finalmente ritrovato e di essere stato determinante come supporto alla squadra.

LA GIOVENTU’ DELLA TERNANA – All’esperienza del Bari farà da contraltare la giovane età dei giocatori della Ternana. Le fere, dopo la decisione societaria di cedere quelli che per anni erano stati i suoi punti di riferimento, come Falletti e Partipilo, hanno una formazione rivisitata, più giovane, che sicuramente avrà gamba per correre. Questo gruppo effervescente viene equilibrato da un allenatore con un bel bagaglio sulle spalle, Roberto Breda. E’ un profilo che i baresi ricordano benissimo, dato che era in panchina in quel famoso doppio confronto con il Latina, per i playoff di Serie B nel 2014 nella meravigliosa stagione fallimentare, quando il Bari, pur realizzando un doppio pareggio, dovette abbandonare i sogni di gloria. Breda ha dichiarato, in conferenza stampa, che vorrà sfruttare al massimo l’opportunità che viene concessa alla Ternana. E’ consapevole del fatto che sarà una partita difficile, sia per l’esperienza del Bari, che per il fattore ambientale. Inoltre, ricorda come in campionato i risultati contro i biancorossi siano stati a loro sfavorevoli. Afferma, però, che la Ternana abbia, nel frattempo, maturato una mentalità totalmente diversa. Asserisce che non bisogna considerare il vantaggio che i rossoverdi hanno del doppio risultato a disposizione, poiché i playout sono un campionato a parte, dove si azzera tutto e si parte alla pari, classifiche e punti a parte. Sarà importante l’approccio, la gestione e l’interpretazione della gara. Il tecnico della squadra umbra ritiene che la prima gara sarà la più importante, quella nella quale bisogna mettere energia, perché determinerà la partita del ritorno.

LE PROBABILI FORMAZIONI – Il collega Bobbi, collaboratore di Radio Tele-Galileo, ai microfoni di Passione Bari Radio Selene, ha affermato che nella Ternana restano indisponibili coloro i quali lo erano già contro la Feralpisalò, ovvero Favilli. Casasola, invece, ritorna dalla squalifica. Nella formazione schierata dal tecnico della Ternana, un dubbio potrebbe presentarsi tra i pali: il portiere titolare Iannarilli è rientrato dall’infortunio, ma è stato degnamente sostituito da Vitali; da valutare, quindi, se Breda vorrà affidarsi all’esperienza di Iannarilli, che ha realizzato sempre brillanti prestazioni contro il Bari, oppure confermare Vitali. La Ternana potrebbe scendere in campo con il 3-5-2: Iannarilli in porta; in difesa Casasola, Dalle Mura e Lucchesi; a centrocampo Favasuli, Amatucci, Carboni, Luperini e Faticanti; in attacco Pereiro e Distefano.

Per quanto riguarda i convocati biancorossi per la partita di questa sera, non saranno disponibili Diaw, Edjouma e Guiebre, mentre saranno a disposizione Brenno e Morachioli. Il Bari dovrebbe mantenere la linea della coerenza, sul fronte modulo e titolari, con la gara contro il Brescia, schierandosi con il 4-2-3-1: Pissardo in porta; Di Cesare e Vicari centrali, Ricci e Pucino esterni di difesa; Benali e Maiello come doppi registi, a supporto di Sibilli e Achik sulle fasce ed Acampora trequartista; Nasti unica punta centrale.

Arbitrerà Aureliano di Bologna, assieme agli assistenti Alessio Berti di Prato e Dario Cecconi di Empoli; IV Ufficiale Prontera; al Var Alessandro Di Paolo di Avezzano; AVAR Matteo Gariglio di Pinerolo. (ph. Tess Lapedota)

T.L.


Pubblicato il 16 Maggio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio