Alessio Sabbione: “Il pubblico ci manca tantissimo, ma siamo pronti”
9 Gennaio 2021
Auteri: “Servirà determinazione e ferocia”
9 Gennaio 2021

Fitto: “Ennesima beffa per il Sud sui fondi per il ‘Recovery Fund’”

 

Tutti da un po’ di tempo, politici, ‘maitre a penser’, amministratori in sella per caso e star televisive, si affannano attorno alla barca di miliardi che pioveranno sullo Stivale via Comunità Europea. Ma la notizia di una nuova bozza del Governo sulle risorse del ‘Recovery Fund’ riportata ieri su alcuni organi di informazione assume aspetti imbarazzanti. Le risorse assegnate al Mezzogiorno d’Italia non possono essere utilizzate per quadrare i conti nella maggioranza giallo-rossa. Almeno così la pensa l’ex presidente pugliese Raffaele Fitto, che a questo punto vorrebbe fare chiarezza: le risorse aggiuntive che vengono annunciate non sono affatto aggiuntive e rischiano di essere l’ennesima beffa per il Mezzogiorno. La Legge di Bilancio appena approvata ha, infatti, stanziato 50 miliardi di euro di Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) per il periodo 2021-2027 con un taglio di oltre 20 miliardi rispetto al precedente periodo, e soprattutto non rispettato gli accordi che il Governo aveva assunto principalmente con le regioni del Sud, Puglia in testa, dove a fronte dell’impiego delle risorse europee per l’emergenza Covid si era impegnato ad aumentare la dotazione del FSC nella futura programmazione. Invece, avviene l’opposto. “Infatti, è sempre dal FSC (Fondo Sviluppo e Coesione) che si attinge anche per far quadrare i conti del Recovery Fund, forse per alzare (paradossalmente) la percentuale delle risorse destinate al SUD attingendo a fondi che già per legge sono destinati al mezzogiorno. Insomma, più che parlare di nuove risorse si tratta di una partita di giro non per fini di sviluppo, ma per cercare di far quadrare conti di natura politica”, incalza Fitto. Per il quale, ovviamente, serve fare chiarezza non solo a livello nazionale, ma soprattutto a livello europeo. Per questo è alla Commissione Europea che, con un’interrogazione, Raffaele Fitto intende porre queste cinque, molto semplici domande: 1) le risorse del Recovery Fund a quanto ammontano? Se non sono state incrementate di cosa parla il governo? 2) perché il Governo ha disatteso gli accordi sottoscritti con le Regioni tagliando le risorse dell’FSC e non stanziando quelle per coprire i fondi comunitari destinati alle emergenze? 3)Se l’intento di inserire una quota dell’FSC è quello di accelerare la spesa inserendola nei vincoli temporali del Recovery perché non è stato inserito tutto l’FSC? 4) La lentezza della spesa FSC non è solo colpa delle Amministrazioni incapaci, ma soprattutto del Governo che si inventa procedure faraoniche, non rispetta i tempi e non dà attuazione alle leggi che egli stesso emana. Ad esempio: che punto è la riprogrammazione FSC 2014-2020 prevista dall’Articolo 44 del DL 34/2019? 5) A circa due anni perché non c’è traccia di nessun Piano adottato, ma di semplici informative al CIPE?”. E magari trovando le risposte a queste sempolici, cinque domande su fondi e miliardi, si potrebbe cominciare a trovare qualche risposta al futuro che attende dal punto di vista economico e sociale l’intero Mezzogiorno d’Italia….

Antonio De Luigi

 382 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *