Cronaca

Fitto: “Temo il terzo disimpegno di risorse per la Puglia”

“Opportunità e cambiamento”: questo il tema dell’incontro pubblico barese, di fatto il primo vero appuntamento dopo le infelici elezioni amministrative, dell’eurodeputato di FdI Raffaele Fitto tenutosi ieri. Il meeting si è svolto in una nota sala ricevimenti di Poggiofranco, alla presenza di tutto lo stato maggiore locale del partito. Perchè quel tema? Lo ha spiegato lo stesso Fitto: “Dopo due anni e mezzo di legislatura europea siamo arrivati al giro di boa ed è giusto fare un bilancio di quanto svolto e di quello che c’è da fare, davanti a passaggi che sono decisivi, incluse le scelte e le opportunità che si aprono davanti a noi. Per questo è utile un approfondimento ed una conoscenza diretti delle situazioni e dei temi, penso alla politica ambientale, agricoltura, turismo e naturalmente ai fondi del PNRR e quelli europei diretti talvolta inutilizzati”. Come vanno spesi questi fondi? “Queste ingenti risorse hanno bisogno di programmazione e capacità progettuale, entusiasmo ed anche competenza. Spesso la mancanza di visione si è rivelata un limite. Vado con la mente a quanto accaduto in Puglia con i fondi dell’agricoltura. Non abbiamo bisogno di soldi a pioggia, ma di scelte e investimenti strutturali. A propositivo di investimenti ricordo che negli ultimi 15 anni in Puglia a mia memoria non è stata fatta una sola infrastruttura degna di tal nome”. Insomma per Fitto si aprono opportunità, ma vanno affrontate con una saggia visione di insieme, e certamente capacità. Una battuta sul reddito di cittadinanza: “Le degenerazioni di questi ultimi tempi confermano che va rivisto”. In quanto agli estimi catastali: “Giusto scovare con attenzione chi evade, ma questo non diventi motivo di tasse sugli immobili, su questo faremo una battaglia”. Su Mario Draghi: ” E’ una persona credibile e lo riconosco. Il problema è il suo governo e la maggioranza che lo sostiene, basata su posizioni a dir poco contraddittorie”. Fitto ha parlato del centro destra pugliese in proiezione futura dopo la cocente delusione nelle ultime elezioni amministrative: “Il centro destra ha pagato a caro prezzo l’aver messo in campo un candidato in zona Cesarini. In campagna elettorale assieme ai candidati occorrono proposte serie e credibili”.

BV


Pubblicato il 6 Novembre 2021

Articoli Correlati

Back to top button