Palazzo di Città: come si spendono i fondi del 5 per mille?
25 Settembre 2020
Concluse le complesse operazioni di restauro degli Exultet
25 Settembre 2020

Fitto vs Salvini: “Dov’è il nuovo della Lega? Basta il massacro contro di me”

Dopo la replica alla Lega del responsabile pugliese di “Fratelli d’Italia”, Marcello Gemmato, su ciò che ha dichiarato Matteo Salvini in merito alla sconfitta del centrodestra nella nostra regione, è giunta puntuale anche la risposta del chiamato in causa, Raffaele Fitto, reo – secondo i leghisti – di essere stato un nome sgradito alla maggioranza dei pugliesi che si sono recati al voto domenica e lunedì scorso, perché in questa regione non era un nome nuovo, essendo stato in passato – come è noto – già alla guida dell’ente “Regione Puglia” (2000-2005), oltre che politico di lungo corso. Infatti, Fitto non ci sta ad essere additato da Salvini ed i suoi seguaci pugliesi come capro espiatoria di una mancata vittoria e, dopo le recenti ripetute dichiarazioni del leader del Carroccio su di lui successive al voto, ha scritto sulla propria pagina di Facebook: “Caro Salvini, da tre giorni in ogni dichiarazione parli di me! Mi verrebbe da dire ‘meglio mai che tardi’. Mi sembra quantomeno ingeneroso puntare il dito sulla mia persona, invece di fare un’analisi seria ed approfondita di quanto accaduto. Ed allora, dopo aver resistito per lunghe giornate alla tentazione di risponderti, dato l’ingiusto fuoco di fila di dichiarazioni da parte tua e dei tuoi, mi vedo costretto a farlo, ponendo alcune domande”. Interrogativi che, proseguendo, Fitto ha esplicitato e che probabilmente non si è posto solo lo sfidante di Michele Emiliano del centrodestra, ma verosimilmente anche molti elettori pugliesi che speravano in un’alternanza alla guida della Regione Puglia. “Mi chiedo infatti come sarebbe finita – ha scritto inoltre Fitto – se, rispetto ad un anno fa la Lega, in Puglia, non avesse perso 16 punti percentuali”. Ovvero, ha esclamato l’eurodeputato di Maglie (Le),  “il doppio di quelli che sarebbero stati sufficienti per vincere!”, sottolineando: “Tutti gli altri partiti della coalizione, invece, hanno tenuto molto bene o sono cresciuti”. Quindi, si chiede ancora Fitto: “se il leader della Lega avesse citato il mio nome almeno una volta durante tutta la campagna elettorale; se non avessi dovuto rispondere almeno una volta al giorno alla domanda ‘perché Salvini non la cita e non la invita mai alle manifestazioni della Lega?’; se i dirigenti leghisti non avessero per mesi indebolito la mia candidatura senza mai proporre una opzione migliore, legittimata dal consenso”. Domande, queste, che, per gli addetti ai lavori della politica, sottintendono l’esplicita accusa a Salvini di una delegittimazione tacita della candidatura a governatore di Fitto da parte della Lega sia prima che durante la campagna elettorale pugliese terminata la scorsa settimana. E scrive ancora Fitto su Facebook rivolgendosi al leader leghista: “Mi hai giudicato ‘il passato’: ma sei proprio convinto che il tuo gruppo dirigente pugliese rappresenti il nuovo?” Infatti, non sarebbe stato di certo una novità nel panorama politico pugliese il nome di Nuccio Altieri, indicato lo scorso maggio dalla Lega per la candidatura a governatore in sostituzione a Fitto, visto che tratta vasi di un personaggio già noto alle cronache politiche locali sia per gli incarichi ricoperti in passato (consigliere provinciale prima, vice di Franesco Schittulli alla Provincia di Bari e poi anche deputato), sia per la sua precedente appartenenza all’area fittiana fino a qualche tempo prima delle politiche del 2018,quando – come si ricorderà – Altieri è stato candidato dalla Lega, senza successo, nel collegio maggioritario di Monopoli. “Ho combattuto lealmente, – ha sottolinea Fitto – confrontandomi sempre con il consenso”. Ed ancora a Salvini: “Ti ricordo che solo un anno fa, in occasione delle elezioni europee, sono stato il più votato in Puglia”, per poi evidenziare: “ Tra l’altro, se non hai guardato i numeri, ti inviterei a farlo per prendere atto che, in questa elezione regionale, ho preso 30.000 voti in più dei partiti che mi sostenevano”. E questo per sottintendere, forse, che il nome indicato dalla Lega prima per la candidatura a governatore in Puglia e dopo come vice di Fitto in caso di vittoria, Altieri per l’appunto, non si è mai battuto in competizioni con la preferenza. Cosa che, per la verità, non ha fatto neppure in queste regionali nonostante la sua designazione unilaterale ed anticipata al ruolo di Vice governatore da parte di Salvini. Pertanto, ha scritto ancora Fitto: “Ritengo un gravissimo errore, dunque, procedere con questo inutile e superficiale massacro mediatico, anziché con un’analisi ‘collegiale’, seria ed approfondita, degli errori commessi”. Per poi concludere: “Fra l’altro dove si sono scelti candidati che venivano da te definiti ‘freschi’ e ‘proiettati al futuro’, che a differenza mia sono stati lealmente ed apertamente sostenuti dall’intera coalizione, non mi pare sia andata meglio”. Ed il riferimento evidente è alla Toscana, dove era candidata a governatore per il centrodestra la leghista Susanna Ceccardi, che è stata anch’essa sconfitta dal candidato di centrosinistra, Eugenio Giani, per altro non governatore uscente, come Emiliano. “Per cui, – ha concluso Fitto – caro Salvini, chiudiamola qui e andiamo avanti perché c’è tanto da lavorare, in Puglia e nel Paese. Io spero uniti, anche se la differenza di reazione e valutazione di Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi mi fa pensare. Vorrei che insieme ragionassimo tutti nell’interesse della nostra coalizione e nell’interesse del Paese”.In definitiva, un invito di Fitto al leader leghista Salvini a non cercare alibi ad una sconfitta del centrodestra in Puglia, in queste regionali appena concluse, a cui probabilmente ha contribuito in modo determinante la Lega già prima di iniziare la campagna elettorale. E su questo sicuramente non ci sarebbe forse granché da eccepire, visti anche i “magri” risultati conseguiti dal partito del Carroccio in questa tornata nella nostra regione.

 

Giuseppe Palella

 737 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *