Cassa Prestanza ai titoli di coda: come sono spariti tutti quei soldi?
20 Dicembre 2018
Monte Nero, tre volte in Puglia
21 Dicembre 2018

Francesco Passiatore: “Non faremo da vittima sacrificale”

Biancorossi che dopo gli auguri e la cena di Natale in settimana con il presidente assieme a tutto lo staff, devono tornare con la testa al campionato e mantenere la massima concentrazione perché come è stato contro il Rotonda, neanche il Roccella farà sconti. I biancorossi al San Nicola troveranno il Roccella di mister Francesco Passiatore, ex della Primavera del Bari che gioca con il 4-3-3 a trazione offensiva e quest’ultimo, da quando è subentrato ha realizzato 10 punti in sei partite contro i dieci punti su dieci partite del precedente tecnico. Mister Passiatore, intervenuto l’altra sera margine della trasmissione-tv Barimania ha detto: “A Bari è sempre un piacere tornare e conservo bei ricordi. Ho lanciato Scalera oggi al Pescara ed ho avviato un progetto sui giovani poi interrotto da ciò che sapete è avvenuto, anche se ora con la nuova società ci sarà nuovamente ampio spazio. Il mio Roccella gioca senza paura e vogliamo proseguire su questa falsa riga. Quando sono venuto ho fatto chiarezza e chiesto alla squadra di cambiare immediatamente registro. Non faremo da vittima sacrificale al San Nicola, nonostante siamo consapevoli che sono i primi della classe e centrino poco con la categoria”. Un Roccella che vanta anche l’ex Bari, Federico Pizzutelli, giocatore che il tecnico dell’avversaria biancorossa, ha avuto nel settore giovanile.

Dal canto suo il Bari potrà vantare ancora una volta il capitano Ciccio Brienza, Neglia e Floriano in attacco con il centrocampo rinforzato e impreziosito da Hamlili, fondamentale nelle geometrie del gioco, e dietro l’esperta difesa capitanata da Valerio Di Cesare – Mattera e Davide Marfella tra i pali che ha visto interrompere il record di imbattibilità a 562 minuti, distante dal numero Uno della storia biancorossa, Zamberletti a quota 709 minuti. Biancorossi che oltre che per vincere ed allungare sulla Turris distante undici punti, ma per battere i due record uguagliati da Capocasale nella stagione ’52-’53 in serie D e del Bari di Conte 2008-2009. In casa bari a prescindere dai record c’è voglia di fare il salto di qualità, di archiviare la pratica quanto prima e programmare la C, non è un mistero, ma anzi il presidente stesso ha annunciato in settimana nell’incontro con i giornalisti, che da gennaio partirà il business plan per la LegaPro e sono interessati insieme al Comune ai progetti di riqualificazione e ristrutturazione del San Nicola, che deve essere il fortino dei biancorossi e punto di aggregazione per la tifoseria.

Marco Iusco

 

 1,278 total views,  1 views today

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *