Sport

Giuseppe Sibilli riscattato dal Pisa con firma fino al 2027

Per quanto riguarda lo staff tecnico si dovranno attendere notizie nella prossima settimana

Sono trascorse tre settimane dalla salvezza del Bari a Terni e le comunicazioni ufficiali, fino a questo momento, riguardano: la rescissione del contratto di Ciro Polito, il ritiro dal mondo del calcio e il suo prossimo impiego all’interno della società biancorossa di Valerio Di Cesare e il riscatto di Giuseppe Sibilli. Il classe 96 è stato riscattato, a titolo definitivo, dal Pisa, fino a giugno 2027. L’attaccante campano, nella sua prima stagione in biancorosso, ha totalizzato 12 reti, record in carriera, e 4 assist.

Intanto, per quanto riguarda lo staff tecnico si dovranno attendere notizie nella prossima settimana. Proprio quando la ricerca del direttore sportivo sembrava essere giunta al suo termine, qualche dubbio al raggiungimento dell’ufficialità è stato diramato dal Presidente del Catanzaro, Floriano Noto che, a margine della premiazione di De Zerbi, in occasione del Premio Ceravolo, ha rilasciato delle dichiarazioni a riguardo della risoluzione dei contratti lavorativi delle tre figure che hanno mostrato l’intenzione di lasciare la società calabrese. Il Presidente Noto ha annunciato che sia il direttore sportivo Giuseppe Magalini, che il tecnico Vincenzo Vivarini sono ancora sotto contratto e che, se la loro decisione fosse quella di lasciare la città giallorossa, ci saranno delle tematiche da affrontare nelle sedi opportune.

Secondo quanto ricostruito dalla redazione di Passione Bari Radio Selene, Magalini, che è legato alla società calabrese fino al 30 giugno, sembra abbia firmato un accordo privato, non depositato in lega, che riguarderebbe un suo eventuale proseguimento del rapporto lavorativo oltre la data di scadenza del contratto. Il Presidente del Catanzaro ha, pertanto, lanciato qualche dubbio su quando potrebbe essere ufficializzato l’arrivo di Magalini a Bari. Il rischio, allo stato attuale, è che si debba arrivare al 1 di luglio per avere un quadro più nitido della situazione, affinché Magalini sia libero e svincolato per potersi legare ad una nuova società. In ogni caso, il futuro di Magalini non dovrebbe essere a rischio nel capoluogo pugliese, ma il Bari non potrà permettersi di attendere troppo tempo prima di ufficializzare il nuovo organico tecnico, rischiando così di perdere tempo per iniziare la programmazione.

Noto, sempre nelle stesse dichiarazioni, ha affermato di avere già un piano B, in quanto al direttore sportivo e direttore generale. Infatti, anche Foresti ha lasciato Catanzaro. Il Presidente della squadra calabrese, però, ha separato la questione allenatore, sottolineando come Vincenzo Vivarini sia sotto contratto per un anno ancora, con opzione di rinnovo. Il tecnico abruzzese, però, a seguito di un incontro con lo stesso Presidente, ha espresso la sua volontà di risolvere il contratto, in quanto ritiene che il suo ciclo a Catanzaro sia terminato e che voglia ricominciare sulla base di prospettive lavorative, non determinate da fattori economici. A Vivarini, di fatti, non mancano i corteggiamenti: è fortemente ricercato dal Venezia, in Serie A, e dal Frosinone in B. Il Bari sicuramente rivorrebbe Vivarini, ma dovrà cercare di concludere prima la pratica direttore sportivo, per potersi dedicarsi successivamente a quella dell’allenatore. (ph. Tess Lapedota)

T.L.


Pubblicato il 14 Giugno 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio