Fibronit: “Giù il secondo capannone, presto sarà libera via Caldarola”
4 novembre 2017
Ketty, lo spettacolo avaro
4 novembre 2017

Grosso: ‘’A Salerno per fare la partita’’

Alla vigilia della partita, il tecnico del Bari ha presentato ieri la difficile gara contro la formazione campana, dove tra l’altro sugli spalti sarà festa in virtù del gemellaggio ultraventennale tra le due tifoserie: ‘’Noi proviamo a prepararci sempre allo stesso modo. Abbiamo provato ad allenarci bene e toccare tutto ciò che può servire domani per fare una prestazione sicuramente diversa da quella di Brescia. Loro hanno perso sicuramente meno di noi, a dimostrazione di una continuità superiore alla nostra. Servirà una grande prestazione”. Ha poi proseguito l’allenatore biancorosso: ‘’Stiamo tutti bene. E avendo un numero grande di giocatori ci saranno delle scelte. Dobbiamo essere consapevoli che tutti quanti saranno determinanti. I bomber? Il gol è importante, sono contentissimo che in tanti lo stanno trovando, anche se altri lo stanno ancora cercando. Alla base c’è un lavoro grande svolto durante la settimana, seduta dopo seduta“.

A riguardo delle critiche ha commentato: ‘’So benissimo che si oscilla molto in base al rendimento della squadra e proprio per questo voglio trovare un andamento continuo assieme ai ragazzi. Per me conta tanto quello che si ha voglia di fare e non quello che si è fatto. Quando facciamo risultati positivi cerco di mettere pressione, è fondamentale avere il timore di risultati negativi. Bisogna sapersi godere le vittorie ma sapendo che bisogna affrontare la gara successiva allo stesso modo. Il nostro modo di essere deve essere determinato”. Su cosa si aspetta dai suoi ha detto: “Sappiamo che una dote dei giocatori di qualità non è sicuramente la continuità. Ma vogliamo ripartire da loro, devono essere determinati dal primo minuto e non solo nelle reazioni. Non è sempre possibile, se lo schiaffo è forte rischia di intontirci. A Empoli e Brescia è capitato. Soprattutto fuori casa dobbiamo essere consapevoli del fatto che gli avversari sono in grado di fare qualcosa in più. Dobbiamo reggere l’urto e non lasciare via libera all’avversario perché recuperare poi non è facile. A volte ci siamo riusciti, altre volte no, ma non è questo quello che vogliamo fare”.

Infine sulla formazione non ha fatto pretattica: ‘’Credo giocheranno Marrone, Gyomber, Tello, Petriccione, Galano, Improta e Micai. Su tutti gli altri sto pensando…’’.

  1. I

 

 

161 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *