Attualità

Guerra Gaza, Hamas: “Non vogliamo un’altra tregua temporanea”

(Adnkronos) –
Non ci sono stati colloqui relativi ad un accordo sugli ostaggi in cambio di un'altra tregua temporanea. A dichiararlo, parlando con Al Jazeera, è stato Osama Hamdan, esponente di Hamas in Libano, secondo il quale Hamas avrebbe informato i mediatori che la priorità del gruppo riguarda un cessate il fuoco permanente e che al momento non si parla di rilasciare ostaggi prima che i combattimenti cessino. Secondo Hamdan, Israele avrebbe fatto trapelare false informazioni al fine di respingere le crescenti pressioni interne sul governo per un accordo sugli ostaggi. A riferirne è il Times of Israel. Intanto il vice segretario generale delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari, Martin Griffiths, lancia un appello per un aumento "urgente" degli aiuti destinati alla popolazione di Gaza a fronte di un nuovo "esodo di massa" verso il valico di Rafah, tra l'Egitto e il sud della Striscia. Gli operatori umanitari dell'Onu stimano in circa 100mila il numero degli sfollati arrivati a Rafah negli ultimi giorni, e temono l'ulteriore peggioramento delle già "terribili condizioni nella zona". "Una popolazione traumatizzata ed esausta" viene "stipata all'interno di una porzione di terra sempre più piccola", ha denunciato Griffiths. "Pensate che portare aiuti a Gaza sia facile? Ricredetevii", ha scritto venerdì il rappresentante delle Nazioni Unite in un post su X, in cui ha elencato gli ostacoli che devono affrontare gli operatori umanitari nella Striscia di Gaza. "Tre livelli di ispezione prima che i camion possano entrare", punti di ingresso insufficienti, "bombardamenti costanti", scarse comunicazioni e strade danneggiate sono alcuni degli ostacoli che frenano la consegna degli aiuti umanitari in una regione dove "gli operatori umanitari vengono a loro volta cacciati e uccisi" e in cui “i rifugi hanno superato da tempo la loro capacità massima". "E' una situazione impossibile per la popolazione di Gaza e per coloro che cercano di aiutarla. I combattimenti devono finire", ha insistito Griffiths.  Secondo i dati delle Nazioni Unite, circa 1,9 milioni di abitanti di Gaza, pari all'85% della popolazione dell'enclave, sono sfollati dalla ripresa del conflitto tra Israele e il Movimento di Resistenza Islamica (Hamas) il 7 ottobre.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 30 Dicembre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio