“Italia olivicola” sollecita al Governo Conte la dichiarazione di calamità
7 novembre 2018
Ornella sfidò il monopolio maschile
8 novembre 2018

Hamlili: “Tre punti pesanti, ma testa alla prossima battaglia”

“Tre punti pesanti, i nostri tifosi sono la forza in più” le parole clou del centrocampista Zaccaria Hamlili, autore di una prestazione quasi impeccabile se non fosse per il cartellino giallo che l’ha fatto entrare tra i diffidati e domenica dovrà fare attenzione a non incappare nelle potenziali provocazioni dell’avversario di turno. In terra siciliana c’è stato il terzo sigillo esterno della truppa di Cornacchini che ha segnato anche l’allungo a più cinque sulla diretta concorrente: “Nonostante l’inferiorità numerica abbiamo preso tre punti pesanti. Ci aspettavamo un clima ostile ma dovremo farci il callo. Espulsione a parte di Pozzebon, siamo stati bravi a non perdere le staffe e a non raccogliere le provocazioni altrui”: Il giocatore volutamente non ha fatto riferimento all’espulsione di Mattera, davvero spropositata e fuori luogo. L’amore però con la tifoseria per il centrocampista è in costante aumento: “Il tecnico l’avevo avuto ad Ancona e lo conosco bene. Qui sto benissimo e la tifoseria fa la differenza, ti regala e da maggiore forza, il loro calore è unico”. Tuttavia, la prossima sfida contro il Città di Messina che è nelle retrovie con un’unica vittoria proprio domenica contro il Rotonda, ha detto: “Vogliamo continuare a vincere nella speranza che le altre rallentino. Non sarà una gara facile ma dipende tutto da noi. In ogni gara siamo gli artefici del nostro destino”. A centrocampo il compagno di geometrie è l’esperto Bolzoni, anche se scalpitano Piovanello e Langella, autore quest’ultimo del gol dell’1 a 3: “Con Bolzoni ci completiamo, a me piace recuperare palla e sacrificarmi per la squadra. Langella e Piovanello cresceranno molto qui a Bari. Non tutte le squadre si possono permettere certi calciatori”.

Marco Iusco

 

103 Visite totali, 5 visite odierne

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *